01/10/2014

idee

Michael Brito: ogni brand deve diventare una media company

 

Come cambia il mondo del lavoro, delle relazioni, dei prodotti e dei servizi

Durante l'ultima edizione del Social Business Forum abbiamo incontrato Michael Brito, Group Director presso WCG, una società W2O Group. Ha una vasta esperienza in termini di comunicazione e marketing. Attualmente è responsabile del processo di supporto ai clienti nella trasformazione dei loro brand in media company implementando strutture e metodologie per la content strategy, la gestione di community e integrare, valorizzare iniziative sui nuovi media.
Negli ultimi anni Michael ha lavorato come Senior Vice President per Edelman Digital e anche per grandi marchi molto importanti della Silicon Valley come Hewlett Packard, Yahoo! e Intel, dove è stato responsabile per l’area consumer social media marketing e community management.

Michael Brito: ogni brand deve diventare una media company

Cosa sta cambiando nel settore?
Una volta erano le azienda a indi­care i prodotti-servizi essen­ziali e dei quali non si poteva fare a meno. Oggi, invece, chi decide è il con­su­ma­tore, che è l’unico vero pro­prie­ta­rio del brand;
Marketing moderno: solo una questione di utilizzo degli strumenti social?
Il social non può e non deve essere uno strumento di mar­ke­ting e per chi si occupa di marketing, ma un fattore di tutta l’azienda. La scelta migliore sarebbe quella di gestire i social net­work in modo coe­rente al brand. Per fare questo bisogna aver elaborato una strategia e preparato delle regole a cui attenersi.
La più grande difficoltà?
Coinvolgere tutti. L'esperienza mi ha insegnato che non conviene avere personale tecnico specializzato, ma è preferibile avere personale che adori il brand. Le aziende high tech della Silicon Valley insegnano molto .

Perché trasformarsi in una media company?
Perché non si presenta più un prodotto, lo si racconta e lo si fa raccontare. Serve un team specializzato nella creazione di contenuti coerenti. Per fare questo è necessario imparare a rac­con­tare delle sto­rie, cosa già di per se complicata, per poi riuscire a raccontare quelle del proprio brand. Chiunque in azienda può raccontare il brand attra­verso la propria esperienza, ma lo stesso discorso vale anche per chi è all'esterno e ha una sua percezione. E' racconto? è valore? Certo, e va capitalizzato.

 


Seguici: 


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it