22/10/2014

economia

Ancora in crescita la domanda di finanziamenti da parte delle imprese

 

Si attenua però nel III trimestre dell’anno: +5,5% rispetto allo stesso periodo del 2013. Nel periodo gennaio-settembre 2014 +10,2% su anno

Il numero delle domande di finanziamento presentate dalle imprese italiane è cresciuto nel 3° trimestre dell’anno in corso del +5,5% (dato ponderato sul numero di giorni lavorativi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il dato relativo al periodo luglio-settembre conferma la dinamica positiva che perdura da oltre un anno pur evidenziando un’attenuazione rispetto alla crescita più sostenuta che aveva caratterizzato i primi due trimestri del 2014, quando la domanda di prestiti aveva fatto segnare rispettivamente un +15,9% e un +8,0%.

Queste evidenze emergono dal Barometro CRIF sulla domanda di credito da parte delle imprese (vere e proprie istruttorie formali presentate agli istituti, non semplici richieste di informazioni o preventivi) elaborata sulla base del patrimonio informativo di EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF.

Il fatto che contemporaneamente gli indicatori del sentiment delle imprese non siano risultati particolarmente brillanti lascia pensare che le richieste di credito siano finalizzate più a sostenere l’attività corrente che a finanziare progetti di investimenti e sviluppo. Se osserviamo in percentuale la variazione gennaio-settembre 2014 su gennaio-settembre 2013 rileviamo un +10,2%, che diventa un +9,2% per il 2012, e 9,9% per il 2011.

Entrando maggiormente nel dettaglio, il grafico 2 mostra l’andamento trimestrale del numero di richieste di finanziamenti distinguendo tra Imprese Individuali e Società.

Nello specifico, il dato relativo alle imprese individuali nel 3° trimestre 2014 ha fatto segnare un +2,7% rispetto al pari periodo 2013, mentre il numero di richieste di finanziamento da parte delle società è aumentato del +7,4% rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. Ragionando in termini aggregati, e prendendo in esame i primi 9 mesi dell’anno, il numero di richieste presentate dalle imprese individuali sale a +12,0%, mentre per quanto concerne le società l’incremento si assesta a un più contenuto +8,9%.

A fronte della crescita del numero della domanda di finanziamenti, il Barometro CRIF mostra una leggera diminuzione dell’importo medio richiesto da parte delle imprese italiane.

Nei primi 9 mesi dell’anno in corso, infatti, nell’aggregato di imprese individuali e società, l’importo medio si è attestato a 69.659 Euro contro i 70.301 Euro del pari periodo 2013 (-0,9%). Scendendo maggiormente nel dettaglio dell’analisi per tipologia di impresa, le imprese individuali hanno fatto registrare un importo medio dei finanziamenti richiesti pari a 34.506 Euro, in calo del -3,7% rispetto ai primi 9 mesi del 2013.

Al contrario, le società hanno fatto registrare una crescita del +0,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un importo medio attestatosi a 94.487 Euro.

 

Relativamente alla distribuzione della domanda per classi di importo, infine, la fascia di richieste inferiori ai 5.000 Euro si conferma essere quella prevalente, con una quota pari al 34,1% del totale, e in crescita di 2 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo 2013. Questa dinamica è spiegata fondamentalmente dal peso numerico preponderante delle richieste inoltrate dalle piccole e piccolissime imprese.

“L’andamento della domanda di credito rappresenta un indicatore di straordinaria efficacia per valutare lo stato di salute delle imprese e il loro livello di fiducia nei confronti del futuro. Dall’analisi dei dati del nostro Barometro emerge una domanda di credito che si conferma ancora sostenuta, che deve però fare i conti con un’offerta che risente del peggioramento della qualità del portafoglio crediti e del costo del rischio che ha eroso nel corso degli anni la redditività degli Istituti” – spiega Simone Capecchi, Direttore Sales & Marketing di CRIF.

Dall’analisi prodotta sulla base delle schede settoriali di CRIF Rating Agency, con dati aggiornati al 30 giugno 2014, emerge che l’andamento del tasso di default nel suo complesso mostra un miglioramento a partire dalla metà del 2013 quando si prospettava una ripresa economica, che invece si è rivelata deludente. Nello specifico, a giugno 2014 il flusso di nuove sofferenze scende al 5.5% (era risultato pari al 6.5% nel giugno 2013).

Il rientro della rischiosità creditizia complessivamente fatta registrare dalle imprese italiane in questi ultimi mesi può però essere attribuita perlopiù alla contrazione delle erogazioni e agli attenti monitoraggi sulla clientela finanziabile, più che ad un miglioramento dell’economia reale che continua a mostrare ampi margini di incertezza.

 

 


Ancora in crescita la domanda di finanziamenti da parte delle imprese

Ancora in crescita la domanda di finanziamenti da parte delle imprese

Seguici: 


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it