29/10/2014

fare

Ti sei mai googlato? Potresti avere delle sorprese di web reputation

 

Scarcella (Hays): 5 consigli per gestire al meglio la propria presenza sui social network e affrontare il mondo del recruitment. Ricercare il proprio nome online, optare per un linguaggio breve e originale, prestare attenzione a che cosa si posta e alle impostazioni della privacy

I social network, sia quelli prettamente professionali sia quelli più personali, hanno assunto negli ultimi anni un’importanza crescente nel processo di selezione dei candidati, a discapito di strumenti più tradizionali come CV e lettere di presentazione. È quanto affermano gli esperti di Hays Response, divisione del gruppo Hays dedicata alla selezione di profili più junior, secondo cui un numero sempre maggiore di professionisti e candidati viene reclutato da aziende e società di selezione attraverso il web.

“Che piaccia o meno – commenta Fabio Scarcella, Responsabile di Hays Response - il mondo del recruitment e quello dei social network si sta avvicinando sempre più. Ecco perché è diventato fondamentale saper gestire in modo efficace e intelligente la propria presenza online. E non stiamo parlando solo di quei social pensati per il mondo del lavoro come Linkedin. Profili Facebook, se lasciati ingenuamente aperti, e account Twitter sono una vera e propria miniera d’oro per chi è a caccia di aspetti e informazioni che solitamente non emergono da un semplice curriculum”.

E per aiutare chi, al giorno d’oggi, ancora non ha afferrato l’importanza dei social network a livello professionale, ecco 5 semplici consigli firmati Hays Response.

1 – Ricercare il proprio nome in Google: la prima cosa da fare è ‘googlarsi’ per vedere quali informazioni su di sé sono reperibili online. Se le informazioni sono datate o, peggio ancora, incomplete o poco accattivanti, è necessario procedere con un update (o una pulizia) della propria presenza web.

2 – Osservare la concorrenza: connettersi con altri professionisti è fondamentale per espandere il proprio network e far conoscere agli altri il nostro background lavorativo. E per capire quali aspetti è bene evidenziare, e quali invece meglio minimizzare, può essere utile prendere spunto dai profili simili ai nostri.

3 - Fare attenzione alla privacy: è essenziale scegliere impostazioni di privacy adeguate, evitando di lasciare il profilo completamente aperto anche a chi non fa parte del proprio network.

4 – Utilizzare un linguaggio adatto: i social network si caratterizzano per un linguaggio diverso da quello utilizzato “offline”. Per farsi notare, meglio affidarsi a presentazioni e status brevi e schematiche, ma con un tocco di originalità.

5 – Postare con criterio: intervenire nelle discussioni, soprattutto sui social professionali, può aiutare ad allargare la propria rete di contatti. Ma bisogna fare sempre attenzione a ciò che si condivide. Prima di cadere nella tentazione del “postare facile”, è sempre meglio riflettere e valutare quali potrebbero essere le conseguenze di un post sul lungo e sul breve periodo.


Ti sei mai googlato? Potresti avere delle sorprese di web reputation

Seguici: 


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it