26/11/2014

economia

Rumori e segnali

 

Carcaterra (Anima): Nel mese di ottobre i mercati azionari europei e americani sono stati protagonisti di una correzione, in parte recuperata. Per la crescita dei listini al dinamismo delle banche centrali deve però affiancarsi il supporto di riforme e politiche fiscali

Quanto rumore e quanto segnale? Nelle scorse settimane i mercati finanziari, complici una serie di eventi, sono stati colpiti da una nuova ondata di volatilità accompagnata da una fase di avversione al rischio, che non è passata inosservata fra gli investitori. La correzione della prima metà del mese di ottobre è stata del resto significativa, con la Borsa americana che ha perso il 7% e quelle europee intorno all'11%. Ora, però il mercato azionario americano si è già riportato su nuovi record assoluti, mentre l'Europa ha recuperato metà del terreno perduto. Chi confrontasse soltanto i livelli di inizio e fine ottobre, potrebbe quindi dedurne che non è successo granché

Rumori e segnali

Sotto il "rumore" di una volatilit√† elevata, restano alcuni "segnali": l'economia Usa cresce ad un ritmo invidiabile (intorno al 3% annuo del 2014), la disoccupazione √® contenuta (5,8% a ottobre) e non servono pi√Ļ gli stimoli extra dei Quantitative easing. In risposta al miglioramento economico e del mercato del lavoro statunitense, la Federal Reserve, dopo ben sei anni, ha deciso di chiudere definitivamente il programma di acquisti di titoli di stato americani (il cosiddetto QE3), pur assicurando che i tassi rimarranno comunque ancora bassi "per un considerevole periodo di tempo dalla fine degli interventi di quantitative easing".
L'Europa al contrario √® caratterizzata da crescita bassissima o nulla (+0,1% nel secondo trimestre 2014, rispetto al precedente), disoccupazione elevata (l'11,5% a settembre), inflazione in calo (allo 0,4% annuo ad ottobre secondo le stime Eurostat). Servono, ancora o pi√Ļ ancora di quanto fatto finora, stimoli monetari. La pensa in questo modo la Bce, che a inizio novembre ha lasciato invariati i tassi di interesse ai minimi storici, confermato l'acquisto di covered bond e avviato anche l'acquisto di titoli asset-backed. Queste operazioni complessivamente si protrarranno per almeno due anni, insieme ai T-Ltro, la prossima asta √® fissata per l'11 dicembre.

Rumori e segnali

Non solo. Draghi ha indicato che lo staff della Bce sta già studiando ulteriori interventi non convenzionali, da dispiegare nel caso il quadro economico si deteriorasse ulteriormente, e ha sottolineato che "altre politiche devono contribuire in maniera decisiva" (e in particolare le riforme del mercato del lavoro e dei beni), affinché si rafforzino gli investimenti, la produttività e l'occupazione.
In questo contesto, la pubblicazione degli stress test e dell'Asset quality review (Aqr), ovvero la "pagella" di Bce e Autorità bancaria europea sui bilanci delle banche europee, al di là dei singoli casi, è un elemento positivo, in quanto ha sottratto incertezza e svelato un settore finanziario nel complesso solido. Dall'analisi dei bilanci dei 130 principali istituti di credito Ue sono emersi 136 miliardi di euro di crediti in sofferenza non contabilizzati, una cifra importante in senso assoluto ma tutto sommato gestibile rispetto a sofferenze note di 879 miliardi di euro e a un patrimonio di 22 mila miliardi di euro. Sotto il profilo delle ricapitalizzazioni, gli stress test hanno evidenziato la necessità di rafforzamenti per 25 miliardi di euro, di cui 16 già raccolti nel corso dell'anno.

Seguici: 

Ne discende una sostanziale neutralità sull'evoluzione a medio termine dei mercati azionari: movimenti di ampia portata potranno seguire solo a interventi incisivi sul fronte delle riforme e delle politiche fiscali. A breve, avvicinandosi la fine dell'anno ci aspettiamo un tendenziale progresso, al netto di imprevedibili evoluzioni delle variabili esogene.
Armando Carcaterra, Direttore Investimenti di Anima SGR



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it