27/05/2015

leisure

L'impresa del terzo millennio: un libro per scoprirne i valori

 

Il nuovo volume della Piccola Biblioteca d’Impresa Inaz riflette su un modo d'intendere l'economia che favorisca anche la crescita sociale e civile. Con le testimonianze degli imprenditori che hanno imboccato questa strada con successo

Può l'impresa essere strumento e di coesione e di sviluppo non solo economico, ma anche civile? È un interrogativo che è necessario porsi oggi più che mai, di fronte agli effetti di una crisi che ha travolto l'economia e il lavoro, aumentando le ineguaglianze e le tensioni, nel nostro Paese e nel mondo. "L'impresa può e deve affiancare alla ricerca del profitto anche la vocazione a essere mezzo di incivilimento e di crescita sociale", ha affermato Linda Gilli, presidente e amministratore delegato di Inaz. "Con l'ultima pubblicazione della collana Piccola Biblioteca d'Impresa, intitolata L'impresa del terzo millennio, facciamo il punto proprio sui valori e sugli strumenti culturali e organizzativi che possono aiutarci a correggere la rotta".

L'impresa del terzo millennio: un libro per scoprirne i valori

In questo agile volume, che nasce da uno degli incontri di cultura d'impresa che Inaz organizza periodicamente, si parte dalla riflessione teorica, con l'introduzione dell'economista Marco Vitale e i contributi di Luigino Bruni, che parla dell'economia civile nel mondo di oggi, e di Vittorio Coda, che propone i risultati dell'operato dell'Istituto per i Valori d'Impresa, nato in seno all'Università Bocconi e che raccoglie importanti esponenti del mondo accademico italiano.
Segue l'esame del paradigma e dei valori olivettiani, con contributi di Bruno Lamborghini e Carlo G. Lacaita, per riscoprire le caratteristiche e l'eredità di un'esperienza industriale fondamentale nella storia del nostro Paese. "L'esperienza olivettiana è particolarmente significativa e viva", ha proseguito Gilli. "L'azienda che guido, Inaz, ha collaborato negli anni '70 e '80 con la Olivetti e ne condivide molti valori, tra i quali la concezione del software come incredibile patrimonio di energia umana e una forte attenzione alla cultura del personale".

Seguici: 

E anche oggi non mancano gli esempi pratici che coniugano con successo imprenditorialità, crescita e un management che mette al centro le persone, il lavoro e la comunità: ne parlano Ali Reza Arabnia, che con la Geico di Cinisello Balsamo ha deciso di reagire alla crisi investendo nella ricerca e nell'innovazione in Italia, ed Enrico Loccioni, alla guida dell'omonimo gruppo industriale, che dai lavori per sistemare la sede tra Jesi e Fabriano ha fatto nascere un grande progetto di riqualificazione idrogeologica del fiume Esino che risolve problemi energetici e restituisce sicurezza e bellezza a tutto il territorio. Imprenditore che, con le loro aziende, si ritrovano, entrambi, nei valori olivettiani e dell'economia civile.
Gli autori
Marco Vitale è economista d'impresa e consulente di alta direzione di imprese e organizzazioni. È stato docente all'Università di Pavia, all'Università Bocconi e all'Università Carlo Cattaneo, di cui è stato tra i fondatori. Ha svolto vari incarichi pubblici.

Luigino Bruni, giornalista, economista e storico del pensiero economico, insegna alla Libera Università Maria Santissima Assunta di Roma ed è promotore e cofondatore della SEC - Scuola di Economia Civile.
Vittorio Coda è professore ordinario di strategia e politica aziendale presso la SDA - Bocconi School of Management e fa parte del comitato scientifico dell'ISVI - Istituto per i Valori d'Impresa.
Bruno Lamborghini, economista industriale ed esponente del mondo accademico, ha ricoperto incarichi manageriali e di amministratore nel Gruppo Olivetti, è presidente dell'AICA - Associazione Italiana per l'Informatica e il Calcolo Automatico.
Carlo G. Lacaita, già ordinario di Storia contemporanea all'Università degli Studi di Milano, si è occupato del pensiero politico e dei processi di modernizzazione e di industrializzazione.

Titolo: L'impresa del terzo millennio
Piccola Biblioteca d'Impresa Inaz
74 pagine
www.inaz.it
 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it