27/05/2015

marketing

Da Nokia a Microsoft: una trasformazione in nome di Lumia

 

Facciamo i punto con Andrea Rubei di Microsoft, per capire anche come il cambio di sistema operativo ormai imminente impatterà sulle aziende

Nokia è un marchio glorosioso che ha fatto la storia della telefonia mobile e il passaggio di proprietà della divisione a Microsoft ha prodotto risultati interessanti, sia in termini di diffusione dei dispositivi, sia in termini di funzionalità. Ne abbiamo parlato con Andrea Rubei di Microsoft Device, facendo un po' il punto della situazione, anche a livello di marketing.
"Nokia è il passato ma è anche un brand che ha avuto una storia importantissima in Italia - ha esordito il manager - e che comunque continua ad avere un appeal molto importante sui consumatori italiani. Noi abbiamo iniziato a costruire su questo aspetto. Una delle ragioni del successo di Windows Phone in Italia risiede nel fatto che la clientela Nokia è una clientela molto fedele. Sul mondo Mobile Phone Nokia continua ad avere delle percentuali molto alte, mentre sul mondo Smartphone la transiszione dal vecchio Symbian a Windows Phone in Italia è stata una transizione abbastanza veloce rispetto ad altri Paesi nel mondo.

Da Nokia a Microsoft: una trasformazione in nome di Lumia

Sicuramente il brand Nokia è stato un asset molto importante su cui costruire questo passaggio verso il mondo Microsoft". 

Brand, quote di mercato, penetrazione dei modelli e innovazione sono elementi tangibili, ma poi ci sono le persone che lavorano da una parte, le persone che acquistano i prodotti dall'altra... 

"I prodotti sono un asset - ha proseguito Rubei - ma poi ci sono proprio le persone, perché il team Nokia è un team molto coeso che ha costruito la fortuna dell'azienda negli anni passati e ha continuato a rafforzare il brand all'interno del mercato italiano. A questi asset si aggiungono i valori di Microsoft e siamo riusciti a fare questa transizione nel migliore dei modi. Le previsioni iniziali che avevamo erano confortanti, ma non estremamente positive nel momento del passaggio da un brand all'altro, ma i risultati sono stati molto più positivi di quello che ci aspettavamo. Il lancio del primo modello a brand Microsoft, Lumia 535 ha avuto un'accoglienza da parte del pubblico molto buona, probabilmente per il tipo di device, il prezzo, il formato e i colori, con l'attività sul punto vendita, e con il rebranding della presenza Nokia sul punto vendita, ha dato dei risultati molto incoraggianti. Tanto che il 535 e il 630 sono i due telefoni che vendono di più e sono i nostri portabandiera. Un telefono porta ancora il brand Nokia, l'altro Microsoft e convivono e hanno successo con il pubblico".

Ma è un primo passaggio, perché Microsoft si sta preparando a trasformare completamente il concetto di sistema operativo con Windows 10... 

"Questa è una sfida importante - ha proseguito Rubei - perché si deve far convergere il grandissimo ecosistema Microsoft, che fino ad oggi avuto molti punti di contatto ma non era completamente coesoe, verso un sistema operativo che sarà sostanzialmente unico nelle funzionalità e per le applicazioni. Questo è il vero messaggio verso gli utenti e verso gli sviluppatori, questi ultimi rappresentano una parte importantissima del successo di Microsoft, dei prodotti e dell'ecosistema. Ci sarà un'unica piattaforma che darà un messaggio familiare e comprensibile a tutti gli utenti indipendentemente dal device utilizzato. Lanciando nei nuovi device si andrà a differenziare e Microsoft nel mondo mobile devices si è concentrata nel cercare di sfruttare al meglio le caratteristiche di Windows 10, con Cortana, il nuovo browser Edge e forse la caratteristica più innovativa all'interno del panorama e cioè il fatto che con Continuum per Phone siamo in grado di ricreare degli scenari che assomigliano molto a quelli di un computer classico. Windows 10 è un servizio più che un sistema operativo unico per tutti i device e quindi una piattaforma. Pensiamo che i nuovi device che usciranno e con hardware capaci di sfruttare le potenzialità forniremo agli utenti un'esperienza molto simile a quella di un PC pur utilizzando un telefono. Finalmente metteremo a frutto tutta la potenza che si ha all'interno di questi smartphone che sono in tutto e per tutto dei computer portatili e che finora non riuscivamo a sfruttare fino in fondo la ragione dell'utilizzo di processori potenti.

Office, per esempio, sarà sempre connesso con le informazioni con il computer e con il cloud e permette un livello di produttività superiore a quello attuale. Avere un'esperienza familiare con il sistema operativo e il cloud ci permetterà di portarci sempre con noi le informazioni, i dati. Avere un'unica piattaforma sottostante posso mantenere questa promessa".

Dispositivi, integrazione, cloud sono temi ricorrenti in questi anni, nel frattempo le aziende e gli utilizzatori si sono dotati di dispositivi. Come pensate di inserirvi in questo contesto? 

"Negli ultimi anni la tendenza dei consumatori era quella di portarsi in azienda il sistema operativo e il proprio device di riferimento", ha concluso Rubei. "La consumerizzazione dell'IT e il Boyd hanno costretto le aziende a gestire una moltitudine di device e di sistemi operativi all'interno del prorio parco aziendale. La popolarità dei dispositivi Lumia tra i consumatori ci aiuta a penetrare dal basso il mondo delle aziende e l'abbiamo visto con la crescita dei successi a livello aziendale, ma è un lavoro che deve essere completato top down lavorando con le aziende per dargli quello che poi è il DNA di Microsoft: sicurezza, flessibilità nel gestire i device e completezza delle soluzioni aziendali. Windows 10 porta funzionalità in termini di riconosciment biometrico, di flessibilità di gestione degli aggiornamenti e un sistema per la gestione per le enterprise che avranno funzioni dedicate che porteranno una ventata nuova in questo segmento di mercato".

 


Seguici: 


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it