08/07/2015

fare

Un ufficio cool influenza davvero le performance lavorative?

 

Soave (Hays): nel settore IT è boom di ambienti lavorativi non convenzionali come bar panoramici, scivoli al posto delle scale e candy shop. Ma spazi super colorati e dal design non convenzionale incrementano davvero le performance dell'ufficio o sono solo motivo di distrazione?

Spazi di lavoro non convenzionali, sale giochi e aree dedicate al relax: sempre più aziende del settore IT optano per uffici dalla marcata impronta alternativa. L'ultima edizione di Hays Journal, pubblicazione del gruppo Hays, uno dei leader nella selezione specializzata a livello globale, pone un quesito a riguardo: uffici così belli e particolari hanno realmente un impatto positivo su performance e retention, o sono solo un motivo in più per distrarsi?
"Il settore IT è conosciuto per i suoi uffici bizzarri e anticonformisti", ha affermato Carlos Soave, Managing Director Hays Italia. "Per esempio Google, a Zurigo, ha uno scivolo per passare da un piano all'altro; Facebook, a Menlo Park, ospita un negozio di dolci e Twitter, a San Francisco, dispone di una sala per fare yoga. Queste aziende all'avanguardia hanno attirato talenti anche grazie ai loro ambienti interessanti".

Un ufficio cool influenza davvero le performance lavorative?

Tuttavia questi spazi, in altri settori, possono rappresentare una distrazione per i dipendenti, influenzandone le prestazioni. Per migliorare le performance dei propri collaboratori, sono davvero sufficienti nap pods (i "baccelli per il pisolino"), zone relax negli uffici e meeting room realizzare in ex carrozze ferroviarie?
"L'ambiente di lavoro è molto più del suo semplice arredo", ha continuato Soave. "L'azienda, attraverso la progettazione dei suoi uffici, deve comunicare ai collaboratori e ai candidati la propria quotidianità lavorativa".
Un ambiente unconventional può fare davvero la differenza sulla produttività aziendale, a condizione che sia sostenuto da un reale cambiamento nella struttura organizzativa. Una semplice mano di vernice può, infatti, non bastare a ridurre il turnover e ad attrarre i migliori talenti sul mercato.
"La cultura aziendale è la chiave per ottenere ottime performance dai propri dipendenti e, al tempo stesso, garantirne la retention", ha spiegato Soave. "Quindi, prima di far costruire una pista da bowling interna, vale la pena ricordare che qualsiasi ufficio deve riflettere, in primis, la propria cultura organizzativa.

Seguici: 

Dopotutto, è proprio questo che rende pioniere le aziende che spiccano nel settore IT. Google e Facebook hanno definito la loro matrice culturale prima ancora del loro ufficio. Un luogo di lavoro colorato, coinvolgente e accogliente è senza dubbio un importante strumento per le risorse umane, ma per migliorare davvero performance e retention, l'ufficio deve riflettere concretamente i pilastri che sostengono la cultura aziendale".
Per approfondire il tema e accedere agli altri contenuti dell'Hays Journal visitare: www.hays-journal.com



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it