22/07/2015

fare

Le startup tecnologiche spagnole assumono giovani italiani

 

Secondo una ricerca di Ticketbis, le aziende intervistate vantano una media di un 20% di italiani sul totale degli stranieri presenti nei team. Soggetti dai 24 ai 36 anni, ingegneri, commerciali ed esperti nel marketing online

Gli italiani sono la seconda nazionalità presente nelle startup spagnole per numero di assunzioni, solo dietro agli spagnoli. E' quanto emerge dalla III Edizione dello Studio Startup Tecnologiche Spagnole e Internazionalizzazione, realizzato e presentato da Ticketbis. L'Italia si posiziona, dunque, al primo posto con il 20% sul totale dei posti di lavoro occupati da stranieri, nel panel di imprese intervistate.

Le startup tecnologiche spagnole assumono giovani italiani

La numerosa presenza di lavoratori italiani in Spagna non è certo una novità: da sempre la facilità per l'apprendimento della lingua, la vicinanza territoriale e l'affinità tra le due culture hanno favorito fiorenti scambi e mobilità sul lavoro tra le due nazioni. Ma è sicuramente un dato recente e non trascurabile il fatto che molti di questi impiegati vengano assunti da aziende di punta nel campo dell'innovazione e delle nuove tecnologie.
Ingegneri, commerciali e figure legate al Marketing Online sono i profili più presenti e ricercati. Nell'ambito dell'ingegneria, i più ambiti sono senza dubbio gli informatici per lo sviluppo di software.
Sempre dallo studio si evince che l'età media degli impiegati di queste aziende è compresa tra i 24 e i 36 anni, dunque, in generale, un folto gruppo di giovani talenti, con conoscenze nei nuovi e distinti campi emersi con forza negli ultimi anni e legati inevitabilmente all'universo di Internet. I settori di maggior sviluppo sono infatti l'eCommerce (21%), le Telecomunicazioni (21%) e le nuove tecnologie applicate all'ambito del Turismo (16%), seguiti da altri come il Trasporto, il Ticketing, i Motori di Ricerca, la Formazione e l'IoT (Internet of Things).

Seguici: 

L'Italia, un Paese strategico per operare ma non per investimenti a lungo termine
Nonostante Paesi emergenti come quelli asiatici (che, come dimostra la nuova edizione dello studio, hanno ormai superato gli USA) stiano accaparrando sempre più l'attenzione delle startup nate nell'ambito dell'innovazione, l'Italia rimane comunque un Paese strategico in cui operare nell'area europea. Vero, ma non così tanto da investire a lungo termine nell'apertura di uffici o centri operazionali fissi.
"Nell'era della fibra ottica e degli Apple watch, la necessità di avere uno spazio fisico in un determinato paese è sempre minore. Preferiamo investire sulle persone, tenendo sempre presente l'importanza che occupa il mercato italiano per la nostra azienda, tra i principali in quanto a fatturazione in Europa", ha commentato Ander Michelena, Ceo e Co-Funder di Ticketbis.

 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it