30/09/2015

fare

Primo semestre in volata per il commercio estero di macchine per materie plastiche e gomma

 

Grassi (Assocomaplast): l'export arriva al +7,5% manbre l'import ha sfiorato il 17%, fornendo quindi un’'ulteriore rassicurazione rispetto alla ripresa, seppure ancora non brillante, del mercato interno

L'elaborazione di Assocomaplast (l'associazione nazionale aderente a Confindustria, che raggruppa oltre 160 aziende) dei dati ISTAT di commercio estero relativi al primo semestre dell'anno in corso evidenzia - rispetto al gennaio-giugno 2014 - una performance decisamente positiva dell'import-export italiano di macchine, attrezzature e stampi per materie plastiche e gomma.

Primo semestre in volata per il commercio estero di macchine per materie plastiche e gomma

Infatti, si conferma - anzi si rafforza - la crescita registrata a partire dai primi mesi del 2014: a fine dello scorso giugno, l'incremento degli acquisti dall'estero ha sfiorato i +17 punti - fornendo quindi un'ulteriore rassicurazione rispetto alla ripresa, seppure ancora non brillante, del mercato interno - mentre quello delle vendite oltreconfine si è attestato al +7,5%. In miglioramento anche il saldo commerciale.
"Tale bilancio - sottolinea il Presidente di Assocomaplast, Alessandro Grassi - è peraltro in linea con i risultati della più recente indagine congiunturale svolta dal nostro ufficio studi tra gli associati".
Si è infatti riscontrato un clima di moderato ottimismo sia a consuntivo - con il 50% del campione che lo scorso luglio ha registrato un aumento degli ordinativi rispetto a un anno fa - sia a livello di previsioni, alla luce di un 44% degli intervistati che si attende un'ulteriore espansione e un 45% che immagina un consolidamento del proprio fatturato nel semestre in corso.

Seguici: 

"Questi indicatori risultano anche in miglioramento rispetto alle precedenti rilevazioni", precisa Grassi.
Dal punto di vista merceologico, le maggiori importazioni di macchine a iniezione, stampatrici flessografiche e stampi - solo per citare le tipologie di macchinari di maggiore "peso" sul totale, ma questo vale anche per altri impianti - hanno avuto origine in particolare dalla Germania, che si riconferma principale fornitore di tecnologia dell'Italia.
Germania che storicamente è anche il primo mercato di destinazione delle esportazioni italiane di settore: i trasformatori tedeschi hanno confermato il proprio apprezzamento per i macchinari Made in Italy acquistandone per un valore di quasi 200 milioni di euro (+19% sul primo semestre 2014).
A livello di macro-aree geografiche di sbocco delle vendite complessive di settore è evidente la progressione di quelle destinate ai Paesi UE e all'aggregazione NAFTA. Nel primo caso hanno inciso la già citata crescita delle vendite in Germania ma anche quella in Spagna e Repubblica Ceca. Relativamente al Nordamerica, pesa l'incremento di 36 punti delle forniture agli Stati Uniti e il non trascurabile +15% del Messico. Incoraggiante anche il segnale positivo che arriva dal Brasile, con un miglioramento del 17% che potrebbe far ben sperare almeno in una stabilizzazione dopo il declino registrato nell'ultimo quadriennio.

Non sorprende, invece, l'ulteriore peggioramento dell'export verso la Russia (-39%) - che ancora risente delle ben note problematiche legate alla crisi con l'Ucraina - l'India (-24%) - verso cui le forniture italiane stentano a decollare nonostante le potenzialità del mercato - e la Cina, che mostra andamenti altalenanti di anno in anno.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it