14/10/2015

sport

NBA: quando il contenuto e' lo sport

 

Morel: il contenuto è il cuore del nostro marketing e tutto ruota intorno al basket. Dalle TV alle squadre ai social, tutto è comunicazione

"La nostra marketing strategy si basa sul prodotto, sul contenuto e quindi sulle partite", ha esordito Benjamin Morel, Senior Vice President e Managing Director EMEA di NBA. "Le TV sono il veicolo più grande per il nostro sport e la principale fonte di revenue, ma l'ambito in cui cresciamo maggiormente sono i social, sia Youtube che Twitter e Facebook". 

Nba è un marchio globale, il basket è uno sport globale, ma come si fa a coniugare e accontentare sport e sponsor?

"Noi veicoliamo essenzialmente prodotti in tempo reale - ha aggiunto Morel - e questa è una buona chiave per attrarre sponsor, brand interessati a promuoversi attraverso l'immagine dell'NBA. Poi c'è la grandissima fan base che chiaramente interessa gli sponsor, e poi ci sono le squadre, il merchandising, gli junior show, e tanto altro. Arriviamo in Europa per fare partite pre-season ed è più semplice creare l'evento; se organizzassimo dei piccoli tornei diventerebbe molto più complicato per le squadre gestirlo perché a quel punto l'agonismo sale e nessuno vorrebbe perdere. Per questo non coinvolgiamo squadre al di fuori del Nord America. E' chiaro che un torneo al posto delle amichevoli consentirebbe di guadagnare di più, ma non è il caso, almeno per il momento, di pregiudicare le squadre che magari rischiano di perdere qualche giocatore per infortunio".

NBA è un brand globale, ma come fate ad attrarre talenti e sponsor da tutto il mondo, stiamo parlando di una lega che fattura oltre 6 miliardi di dollari?

"Non esiste un segreto - ha aggiunto Model - perché il basket è conosciuto in tutto il mondo e praticato in tutto il mondo e l'NBA rappresenta il meglio di questo sport. Nel frattempo lavoriamo al fianco delle varie federazioni per creare opportunità di crescita di questo sport: se cresce il basket ne beneficiano tutti".

I Social rappresentano una parte importante dei vostri interessi, come vi comportate?

"Tutto ciò che noi facciamo è comunicazione", conclude Morel. "Ogni partita, ogni incontro con i giocatori, ogni amichevole, ogni attività delle squadre è comunicazione. I social sono ottimi per entrare in contatto con i fan e per fare marketing, entrare in contatto con i partner. Non abbiamo paura, per esempio, di entrare in competizione con altri sport. Per esempio, alla domenica sera quando in molti Paesi europei il calcio la fa da padrone. Perché il nostro fan è attento e fedele e gli abbiamo comunicato molto bene qual è l'appuntamento della settimana. E' un approccio che funziona, comunicare e promuovere, una forma di direct marketing che funziona e gli appuntamenti fisso sono un'ottima occasione per diffondere l'NBA".


NBA: quando il contenuto e' lo sport

Seguici: 


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it