16/03/2016

fare

Brevetti italiani 2015: mai cosi' tante richieste negli ultimi dieci anni

 

Battistelli (EPO): c'è stato un aumento del 9% delle domande. Indesit, Fiat, STMicroelectronics le società del Belpaese che hanno inoltrato più domande. L'Italia sale dall'undicesimo al decimo posto sul totale delle richieste pervenute. Germania in calo

Nel 2015 le richieste di brevetti ad European Patent Office (EPO) provenienti dall'Italia sono cresciute del 9%, ovvero ad un tasso doppio rispetto alla media EPO (+4,8%). Per il nostro Paese il dato rappresenta il maggior incremento percentuale dell'ultimo decennio.

Brevetti italiani 2015: mai cosi' tante richieste negli ultimi dieci anni

Lo scorso anno, società e inventori italiani hanno inoltrato 3.979 richieste di brevetto ad EPO contro le 3.649 del 2014, invertendo la tendenza dell'ultimo periodo, che ha registrato un calo nel numero di domande per quattro anni consecutivi.
Con una quota del 2% di tutte le richieste, l'Italia è risalita dall'undicesimo al decimo posto tra i Paesi richiedenti protezione brevettuale.
Il numero complessivo delle richieste europee di brevetto pervenute a EPO nel 2015 è cresciuto a 160.000 (+4.8% rispetto alle 153.000 del 2014). Una crescita alimentata soprattutto da società statunitensi (+16,4%) e cinesi (+22,2%), mentre il totale delle richieste provenienti dai 38 Paesi aderenti a EPO è rimasto pressoché stabile lo scorso anno (+0.7%). Stati Uniti, Germania, Giappone, Francia e Olanda rappresentano i primi 5 Paesi per numero di richieste.

Seguici: 

"L'eccezionale incremento di richieste di brevetti a EPO dimostrano che l'Europa si conferma un hub per l'innovazione globale oltre che un mercato tecnologicamente attraente", ha dichiarato il Presidente di EPO Benoît Battistelli. "Riflette altresì l'interesse di imprenditori e inventori nell'optare per una protezione dei brevetti rafforzata e di primo livello sul mercato europeo" aggiunge "Nonostante la crescita ragguardevole nel numero di domande provenienti da Paesi extraeuropei, rimane in ogni caso positivo il bilancio del numero delle richieste avanzate dalle società europee in altri continenti, un fattore che sottolinea il potenziale innovativo del Vecchio Continente".
Indesit, Fiat e ST Microelectronics sono le prime tre società italiane per numero di brevetti richiesti - Boom dei brevetti informatici
All'interno dei dieci settori tecnologicamente più importanti presso EPO, le domande italiane di brevetti hanno registrato la crescita maggiore per quanto riguarda Informatica (+76%), Comunicazione digitale (+59%), Farmaceutica (+54%) e Sistemi di Misurazione (+47%). La maggior parte delle richieste include invece tecnologie come la Movimentazione (imballaggi, palette, sistemi di trasporto, containers), Ingegneria Civile e Trasporti (settore nel quale sono state ascritte molte richieste provenienti dall'automotive).

Con 107 richieste, Indesit si è rivelata la società italiana più attiva nelle domande di brevetti a EPO, seguita da Fiat (84) e da STMicroelectronics (58), Finmeccanica (39), Pirelli (39) e Chiesi Farmaceutici (35).
Lombardia prima regione italiana per innovazione
La regione Lombardia guida la classifica delle regioni italiane a maggiore richiesta di brevetti con una quota del 33% di tutte le domande nel 2015, seguono l'Emilia Romagna (15%) e il Veneto (13%). L'incremento più clamoroso si è registrato in Molise (+200%) e Sicilia (+100%), anche se i numeri per ora sono molto piccoli. Nella classifica per sngola città, Milano può vantare 806 richieste, distanziando di molto Torino (273), Roma (226) e Bologna (209).
Disomogeneità di richieste in Europa
Nel 2015 abbiamo riscontrato notevoli differenze tra i vari Paesi europei nell'attività di richieste di protezione delle invenzioni: la Spagna (come l'Italia), ha invertito il trend negativo crescendo del 3.8% nel 2014. Il Belgio ha messo a segno un balzo del 5.9% sul 2014, il Regno Unito del 5.7%, l'Olanda del 3.3% e la Svizzera del 2.6%. Altri Paesi invece come Francia (+1.6%), Austria (+1.4%) e Svezia (-0.9%) sono più o meno rimasti sugli stessi livelli dello scorso anno, mentre le domande dalla Germania sono calate nuovamente (-3.2%), così come per altri Paesi noridici quali Finlandia (-8.3%) e Danimarca (-2.7%).

Tecnologia medicale, Comunicazione digitale e Informatica I principali campi di applicazione
Il settore della Tecnologia medicale si è rivelato ancora una volta quello con il più alto numero di richieste di brevetto a EPO nel 2015, crescendo di un ulteriore 11% rispetto al 2014. Le altre aree che hanno segnato una crescita significativa sono stati "Motori, pompe e turbine" (+18%) - settore che segnala molte richieste di brevetto nelle energie pulite -, "Farmaceutica" (+10%), "Strumenti di misurazione" (+8%) e "Computers" (+8%).
Philips prima in classifica tra le società per numero di brevetti
La società elettronica olandese Philips ha scalato la classifica delle aziende che hanno inoltrato il maggior numero di domande di brevetto a EPO nel 2015. Seguono Samsung, LG, Huawei e Siemens. Nella top 10 troviamo 4 società europee, 3 statunitensi, 2 coreane e una cinese.

Classifica pro capite: al primo posto la Svizzera, Italia guadagna sale dalla diciannovesima alla diciottesima posizione
Il potenziale dell'Europa in termini di innovazione è ben evidenziato dal numero delle richieste euriopee relative alla popolazione per singolo Paese. La Svizzera si classifica ancora al primo posto nel 2015, con 873 domande ogni milione di abitanti. Olanda (419) e Svezia si trovano al secondo e al terzo posto, seguite da Finlandia (365) e Danimarca(346). Il primo paese extraeuropeo è ancora il Giappone al nono posto (169). L'Italia, con 64 richieste, si è posizionata diciottesima, dietro il Regno Unito e Singapore avanzando dal diciannovesimo posto dello scorso anno.
Per le statistiche dettagliate e un resoconto sulle attività nel 2015, qui il report annual di EPO: www.epo.org/annual-report2015



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it