16/03/2016

fare

Il cloud permette al 92% delle aziende di velocizzare il processo di innovazione

 

Doruiter (Oracle): la "nuvola" continua a crescere a ritmo sostenuto e sta rapidamente raggiungendo la maturità. Stiamo assistendo a un cambiamento nel modo in cui le imprese ne percepiscono i principali vantaggi e le barriere all'adozione. A partire dalla sicurezza

Si parla tanto di cloud, soprattutto come un qualcosa di verso cui tutti, imprese, business e privati non potranno più fare a meno. Ormai la "nuvola" è diventata non più una frontiera verso cui tendere, ma un qualcosa già reale e operativo, anche se ancora in divenire. Soprattutto per esplorarne le infinite potenzialità e capacità di innovazione, soprattutto nel mondo dell'economia reale.

Il cloud permette al 92% delle aziende di velocizzare il processo di innovazione

Secondo uno studio di Oracle, oltre il 90% delle aziende ritiene che il cloud permetta loro di innovare più rapidamente. Lo studio condotto da IDG Connect per conto di Oracle rivela che oltre la metà delle aziende (51%) avrà raggiunto la maturità cloud entro due anni, ed evidenzia che le loro preoccupazioni e considerazioni chiave relative al passaggio al cloud si sono evolute.
Per quanto riguarda il cloud ibrido i tradizionali ostacoli, quali le preoccupazioni relative alla sicurezza, sono state sostituite da timori di tipo operativo, quali la gestione di molteplici architetture IT e l'ampiezza di banda della rete. Chi invece sta realizzando infrastrutture cloud private continua a considerare la sicurezza il principale fattore critico.
Quando si tratta di identificare l'elemento più importante per realizzare infrastrutture cloud private e ibride di successo, la risposta più frequente data dai manager intervistati per lo studio è stata "conquistare il supporto dei principali responsabili delle decisioni aziendali"; questo indica che anche altre funzioni di business oltre all'IT hanno influenza sulla scelta di passare al cloud. Inoltre, i dati evidenziano che il ruolo dei CIO è più importante che mai, per coordinare fra loro multiple architetture ed anche per comunicare in modo efficace all'azienda nel suo complesso i benefici dell'adozione del cloud.

Seguici: 

Vediamo i principali risultati della ricerca.
- Il 92% degli interpellati ha affermato che il cloud permette una più rapida innovazione in azienda; il 73% conferma che è di supporto per la fidelizzazione dei clienti esistenti, il 76% sostiene che li aiuta a conquistare nuovi clienti
- Un'azienda su cinque (19%) ha già raggiunto la "maturità cloud; oltre la metà (51%) la raggiungerà entro i prossimi due anni.
- Gli intervistati hanno indicato che gli elementi più importanti per implementare con successo il passaggio al cloud ibrido sono: conquistarsi il sostegno delle figure decisionali chiave in azienda; ottenere efficienze di costo (25%); costruire una collaborazione forte con il proprio fornitore (22%).
- Le principali barriere all'adozione del cloud ibrido sono: la gestione di molteplici architetture IT (60%), l'ampiezza della banda della rete (57%), la relazione con i fornitori IT (52%).

Secondo Johan Doruiter, Senior Vice President of Systems, EMEA, di Oracle, "il cloud sta rapidamente raggiungendo la maturità e stiamo assistendo a un cambiamento nel modo in cui le imprese ne percepiscono i principali vantaggi e le barriere all'adozione. La sicurezza dei dati e l'affidabilità, che erano aree tradizionali di preoccupazione, stanno perdendo posizioni ed anzi vengono menzionate dalla maggior parte delle aziende tra i principali vantaggi che si possono trarre dall'adozione del cloud".
"Queste preoccupazioni tradizionali sono state sostituite da preoccupazioni di tipo operativo, come la difficoltà di gestire più architetture IT e assicurarsi di avere sufficiente banda. Per le aziende che si stanno avvicinando alla maturità cloud è sempre più importante avere la capacità di monitorare e gestire in modo unificato e consolidato infrastrutture cloud pubbliche, private e ibride".

"La differente attenzione nei confronti della sicurezza nell'implementazione di cloud privati e ibridi è comprensibile" ha affermato Bob Johnson, Vice President and Principal Analyst di IDG Connect. "Per le aziende che si stanno concentrando sul cloud privato, la sicurezza è una preoccupazione primaria, e un indicatore del fatto che si stanno trasferendo in cloud i workload aziendali. Le aziende che hanno un mix ibrido di servizi on-premise e un cloud pubblico hanno compreso i vantaggi che derivano dall'apertura delle loro infrastrutture a partner e clienti e come risultato si sono aperte in parallelo ad incrementare la forza, la maturità ed il livello di sofisticazione dei loro sistemi di sicurezza".
 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it