13/04/2016

fare

I partner commerciali principali dell'UE nel 2015: gli USA per l'export, la Cina per l'import

 

Ma, secondo i dati Eurostat, gran parte degli scambi avvengono tra gli stati membri. La Germania primo importatore ed esportatore dell'Unione. UK vende per lo più fuori dall'Europa

Nel 2015, gli Stati Uniti (619 miliardi di euro, e il 18% del totale degli scambi UE di beni) e la Cina (521 miliardi, ovvero il 15%) hanno continuato ad essere i due principali partner commerciali dell'Unione Europea (UE), ben davanti a Svizzera (253 mld, e 7%) e Russia (210 mld, al 6%).
Le tendenze osservate da Eurostat negli ultimi anni sono comunque molto diverse per questi principali partner commerciali dell'UE. Dopo aver registrato un calo significativo e quasi continuo fino al 2011, la quota degli Stati Uniti nel commercio complessivo di beni dell'UE ha iniziato ad aumentare di nuovo, per raggiungere il 18% nel 2015. La quota della Cina è raddoppiata dal 2002, passando dal 7% al 15% nel 2015. Dal 2013 la quota della Russia è diminuita drasticamente al 6% nel 2015 (anche a causa delle sanzioni). La quota della Svizzera è rimasta quasi invariato al 7% per l'intero periodo di tempo.

I partner commerciali principali dell'UE nel 2015: gli USA per l'export, la Cina per l'import

Nel 2015, macchinari e trasporti, altri beni manufatti e sostanze chimiche rappresentano le principali categorie di prodotti nel commercio internazionale dell'UE con il resto del mondo.
Germania, destinazione principale di esportazione per la maggioranza degli stati UE
Per quasi tutti gli Stati membri dell'UE, il principale partner per le esportazioni di merci nel 2015 è stato un altro membro dell'Unione europea, fatta eccezione per la Germania, l'Irlanda e il Regno Unito (gli Stati Uniti è stata la principale destinazione delle esportazioni), la Lituania (Russia) e la Svezia (Norvegia).
In alcuni Stati membri, almeno un quarto delle esportazioni è andato verso un unico partner. Questo è stato la Germania per la Repubblica Ceca (32% delle esportazioni di beni), Austria (29%), Ungheria (28%) e Polonia (27%), mentre per il Portogallo il 25% delle esportazioni di merci è andato in Spagna. Nel complesso, la Germania è stata la principale destinazione delle esportazioni di beni per 16 Stati e tra i primi tre in 22 Paesi.

I partner commerciali principali dell'UE nel 2015: gli USA per l'export, la Cina per l'import

Per il commercio extra-UE con i Paesi terzi, le tre principali destinazioni delle esportazioni dell'UE nel 2015 sono gli Stati Uniti (21% di tutte le esportazioni extra-UE), la Cina (10%) e la Svizzera (8%).
Le esportazioni intra-UE prevalgono in tutti gli Stati tranne in UK e Malta
Nel 2015, i 28 Stati membri dell'Unione europea hanno esportato un totale di 4.861 miliardi in euro di beni, di cui 3.070 miliardi (il 63%) sono stati destinati ad un altro Stato membro dell'UE (commercio intra-UE).
Slovacchia (85%), Lussemburgo (84%), Repubblica Ceca (83%), Ungheria (81%), Polonia (79%), Slovenia e Olanda (entrambi 76%), e l'Estonia (75%), con il 75% o più delle merci esportate verso altri Stati dell'UE, hanno registrato nel 2015 le quote più elevate delle esportazioni intra-UE. All'estremità opposta della scala, il Regno Unito (44%) e Malta (45%) sono stati gli unici Stati membri che hanno esportato più beni verso Paesi non-UE che all'interno dell'Unione europea nel 2015.

Seguici: 

Germania: la principale fonte di importazioni per oltre la metà degli stati UE
Per quanto riguarda le esportazioni, il principale partner per le importazioni di merci nel 2015 è stato un altro membro dell'Unione europea in tutti gli Stati UE, ad eccezione della Lituania, per cui la Russia era il principale Paese di origine delle merci importate.
In otto Stati, almeno il 25% delle importazioni di beni è venuto da un singolo Paese partner nel 2015: Austria (42% delle importazioni di merci originato dalla Germania), il Portogallo (33% dalla Spagna), Irlanda (32% dagli Stati Uniti), Repubblica Ceca (30% dalla Germania), Lussemburgo (28% dal Belgio), la Polonia (28% dalla Germania), Cipro (26% dalla Grecia) e Ungheria (26% dalla Germania). Nel complesso, la Germania è stata tra i primi tre Paesi di origine delle merci importate in tutti gli Stati membri, tranne l'Irlanda, Cipro e Malta.

Per quanto riguarda l'extra-UE, il principale Paese di origine delle merci importate nel 2015 è stata la Cina (20% di tutte le importazioni extra-UE), seguita dagli Stati Uniti (14%) e dalla Russia (8%).
Le importazioni intra-UE prevalgono in quasi tutti gli stati
Nel 2015, i 28 Stati membri dell'UE hanno importato un totale di 4.707 miliardi di euro di beni, di cui 2.980 miliardi (il 63%) proveniva da un altro Stato membro dell'UE (commercio intra-UE).
Almeno tre quarti delle importazioni totali di merci sono originarie di un altro Stato membro dell'Unione europea in Estonia (82%), Lettonia (80%), Slovacchia (79%), Croazia (78%), Repubblica Ceca, Romania e Austria (tutti 77%), così come Portogallo e Ungheria (entrambi 76%). Per contro, l'Olanda (46%) è stato l'unico Stato in cui meno della metà delle importazioni è venuto dall'interno dell'UE. Ciò è in gran parte dovuto al cosiddetto "effetto Rotterdam".

Macchinari e trasporti rappresentano oltre il 40% di tutte le esportazioni extra-UE
Nel 2015, macchinari e mezzi di trasporto hanno giocato un ruolo importante nel commercio nell'UE con il resto del mondo, pari al 42% del totale delle esportazioni extra-UE e al 31% delle importazioni. Altri prodotti (23% delle esportazioni extra-UE e il 26% delle importazioni extra-UE) e prodotti chimici (18% delle esportazioni extra-UE e il 11% delle importazioni extra-UE), hanno giocato un ruolo significativo nel commercio dell'UE nel 2015. I combustibili minerali hanno costituito una quota minore delle esportazioni extra-UE (5%), ma hanno rappresentato quasi il 20% di tutte le importazioni.
 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it