04/05/2016

economia

Il campanello d'allarme della recessione sta suonando?

 

Lawson (Standard Life Inv.): possiamo dire con sicurezza che al momento l'economia globale non è in una fase di recessione. Stiamo però assistendo a segnali contrastanti tra indicatori economici e finanziari

A punto siamo del ciclo economico e si può tentare di scorgere quali sfide ci aspettano per il futuro? Standard Life Investments (SLI), ha analizzato l'attuale fase del ciclo economico e l'andamento dell'economia globale per appurare se ci troviamo sulla strada della recessione.
Secondo Jeremy Lawson, capo economista di SLI - soprattutto all'inizio del 2016 - l'economia globale è stata colta da un forte stress finanziario, offuscando ulteriormente le prospettive economiche. C'è una spaccatura evidente tra i diversi tipi di indicatori; i fondamentali economici stanno mostrando alcuni segnali di allarme, ma l'allarme suona ancora più forte nei mercati finanziari.

Il campanello d'allarme della recessione sta suonando?

"La combinazione tra la crescita lenta e le intense turbolenze di mercato ha aperto la strada al timore che l'economia globale si stia dirigendo verso una recessione, otto anni dopo la crisi finanziaria globale. Pur avendo a disposizione un certo numero di strumenti e indicatori che possiamo usare per capire il ciclo economico e i rischi futuri, le evidenze sono contrastanti", afferma Lawson.
"A prima vista, le variabili economiche, come il saldo delle partite correnti, i deboli dati sul mercato del lavoro e la crescita del credito stanno mostrando caratteristiche di attività più affini alla metà del ciclo economico che non alla fase finale del ciclo. Al contrario, le variabili finanziarie come i valori dei mercati azionari, i credit spread e la curva dei rendimenti suggeriscono che il ciclo sta maturando più rapidamente.
Il superindice OCSE è progettato per individuare i primi segni di punti di svolta, e attualmente sta segnalando una situazione stabile nonostante una crescita contenuta in tutto il mondo sviluppato, con risultati eterogenei nei mercati emergenti. Segnali più allarmanti emergono invece da quei modelli di probabilità di recessione che si basano sulle variabili finanziarie.

Seguici: 

Quello che possiamo dire con sicurezza è che al momento l'economia globale non è in una fase di recessione, gli indicatori previsionali indicano una crescita costante per questa primavera, ad esclusione del settore delle materie prime. Anche se stiamo assistendo a segnali contrastanti tra indicatori economici e finanziari, non vediamo, nei fondamentali, prove sufficienti a convincerci che ci stiamo avviando verso una recessione. Tuttavia, continueremo a monitorare molto da vicino tutti gli elementi possibili, nei prossimi mesi, alla ricerca di eventuali segni che indichino che siamo troppo ottimisti", conclude Lawson.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it