25/05/2016

fare

Rosso Garibaldi: essere diversi rispetto al mercato per soddisfare il cliente

 

Gottero: la nostra filosofia è offrire servizi a valore aggiunto per i consumatori della telefonia. Apriremo 300 punti vendita in 5 anni, anche con la formula del franchising

La catena di negozi Telecom Specialist Made in Italy Rosso Garibaldi ha grandi progetti. Accessori per smartphone, ma non solo, prodotti e tanti servizi per espandersi
"L'obiettivo di Rosso Garibaldi - ha dichiarato Claudio Gottero, AD di Rosso Garibaldi - è semplice. Siamo una startup che è partita a novembre 2015 come un canale di vendita per accessori di telefonia cellulare. Siamo uno spin-off di Celly, siamo partiti come monomarca e piano piano abbiamo inserito altri brand italiani di accessoristica, cercando di creare una gamma di prodotti, con lo scopo di essere differenti dal resto del mercato. La nostra offerta da gennaio si è ampliata con l'inserimento degli smartphone, e da qui nasce la volontà di offrire al cliente utilizzatore finale un'esperienza d'acquisto diversa dei negozi tradizionali".

Rosso Garibaldi: essere diversi rispetto al mercato per soddisfare il cliente

Ambiziosi
Il progetto Rosso Garibaldi è piuttosto articolato, ma anche decisamente ambizioso. "Non siamo la copia di nessun altro brand - insiste Gottero -, ma siamo un progetto nato e studiato guardando quella che è l'offerta attuale del mercato italiano sia in termini di accessori, di prodotti ma anche servizi, e siamo il suo completamento: ossia inserire all'interno della nostra gamma, quello che sul mercato italiano riteniamo che non ci sia. Il nostro progetto lato incremento dei servizi e dell'offerta verso il consumatore finale si completerà a giugno e poi faremo il fine tuning per migliorare le cose che non saranno ancora a regime; mentre sul lato punti vendita siamo partiti con 5 punti vendita il primo di novembre, oggi ne abbiamo già 25 e il nostro target per l'anno è arrivare a 40 punti vendita. Non è un progetto annuale, ma in questo primo quinquennio pensa di puntare a 300 punti vendita in Italia, la maggior parte all'interno dei centri commerciali, sia con negozi gestiti direttamente, sia con negozi in franchising. Oggi non abbiamo negozi in franchising, ci stiamo lavorando, perché il negozio in franchising dovrà essere allestito solo quando il progetto sia già completo e nel momento in cui gli errori li abbiamo già pagati noi. I franchisee dovranno solo raccogliere le opportunità. Il progetto ci ha dato molto soddisfazione fino ad ora, ha dato buoni risultati, sia dal lato economico sia come risposta dal consumatore".

Servizi
"Essere la copia di quello che c'è già sul mercato significherebbe non offire nulla al consumatore e non saremmo interessanti per le gallerie - ha proseguito Gottero -, perché dovrebbero inserirci? Invece, la nostra volontà è di seguire il cliente e di dare un'offerta diversa. Mi spiego meglio: le categorie di prodotti che offriamo sono 4 e per ognuna di esse vogliamo essere differenzianti.
Se parliamo di accessori vorremmo avere una gamma che soddisfi anche il mercato femminile, che riteniamo in questo momento importante ma con un'offerta scarsa. Poi vogliamo entrare nel mondo delle personalizzazioni e nel target alto della clientela per arrivare fino alla customizzazioni dei prodotti di lusso con cover e accessori in madre perla o in pelle naturale, coccodrillo e via di seguito.

Seguici: 

Per gli altri segmenti, nella telefonia cellulare vogliamo offrire la gamma che altri già offrono ma in un modo diverso, e offrire soprattutto quel livello di servizio che sovente in altre realtà similari alle nostre il cliente non può trovare. Quando parlo di servizio, non intendo la scheda telefonica, ma parlo di tutto quel processo che ha a che fare durante la vendita del prodotto, ma soprattutto dopo la vendita. Molti pensano che il cliente sia solo uno strumento cui spremere il portafoglio la prima volta e poi abbandonarlo, ma il cliente abbandonato se ne ricorda e cercherà qualcuno che lo serva meglio. La nostra strategia è quelle di servire i clienti nelle varie problematiche che può incontrare, dal passaggio dei dati alla copia, alla riparazione. Per esempio, in caso di guasto siamo in grado di fare uno swap del prodotto e fare in modo che il cliente possa uscire dal punto vendita senza rimanere senza il telefono che ormai è diventato la nostra protesi di comunicazione e non possiamo farne a meno. Proseguiamo infine sull'aspetto connettività, offrendo servizi al cliente che può avere necessità di connettività in modalità sia fissa sia mobile".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it