05/04/2017

digital

5 consigli per ottimizzare un fashion store online

 

HiPay illustra alcune strategie fondamentali per avviare e ampliare il business dei negozi di moda in rete

Quali sono gli step fondamentali per avviare e ottimizzare le conversioni all'interno di uno store di moda digitale? Molti sono anche i suggerimenti che arrivano dagli specialisti. Ma questa volta, i consigli arrivano da chi si occupa di digital payment, e contengono qualche idea che merita di esser presa in considerazione.
Hipay, FinTech francese specializzata in pagamenti online, di cui Paola Trecarichi (nella foto) è VP di HiPay Group Italia, oltre a suggerire le strategie di base come l'analisi delle necessità degli utenti e le richieste di mercato, ha concentrato la sua ricerca su altri fattori importanti quali l'applicazione di sistemi anti-frode a tutela della user experience, l'importanza di siti web cross-border e i concetti di mobile experience e omnicanalità.

5 consigli per ottimizzare un fashion store online

Il 2016 è stato un anno in forte crescita per l'eCommerce italiano, con transazioni online in aumento del 18%, con un valore economico che ha sfiorato i 20 miliardi di euro. Il traino di questo importante sviluppo è stato soprattutto il settore fashion che, cresciuto del 35% rispetto all'anno precedente, è stato protagonista delle vendite online.
Vediamo i 5 consigli utili per ottimizzare le vendite dei negozi di moda online:
1 - Utilizzare i dati dei clienti e i trend di comportamento.
Un'approfondita conoscenza del singolo utente e della sua consumer journey permettono una promozione dei prodotti mirata e una comunicazione personalizzata capace di garantire conversioni rapide.
2 - Analizzare i pagamenti e prevenire le frodi.
Per un'ottimizzazione del processo d'acquisto diventa necessario seguire tutti i passaggi dell'utente consentendo alle pagine di pagamento di adattarsi ai differenti profili del consumatore e applicare sistemi di sicurezza anti-frode sulla base dei prodotti più vulnerabili presenti in catalogo, tenendo presente che i tassi di frode più elevati si registrano su orologi (9,92%) e sneaker (5,76%).

Seguici: 

3 - Creare un sito web "Cross-Border Friendly".
Cresce la percentuale di acquisti cross-border online. A livello mondiale, gli utenti effettuano il 25% degli acquisti e-commerce su siti web al di fuori dei confini nazionali, scelta dettata da prezzi più convenienti (75%), spedizioni concorrenziali (50%), non disponibilità del prodotto nel proprio paese (60%) ecc?
4 - I clienti vogliono una mobile experience, ma non sempre l'app è un valore aggiunto per il brand.
Sebbene gli acquisti fashion da mobile superino il 50% in Gran Bretagna, Corea del Sud e in Giappone, dove la percentuale è addirittura pari al 62%, bisogna capire se lo sviluppo di un'applicazione rappresenti davvero la risposta giusta al proprio business. I dati dimostrano infatti che il 59% delle app viene utilizzato una sola volta, mentre il 25% non sarà mai aperto.
5 - Diventare Omnichannel.

Per la finalizzazione di un acquisto e la ricezione dell'ordine è molto importante ideare una strategia cross-channel e attivare validi tool come il Guest Checkout per gli utenti non registrati. Uno strumento che garantisce un'esperienza d'acquisto comoda e adattabile ai differenti consumatori.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it