Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch

SOMMARIO

Editoriale
Italia pi virtuosa d'Europa: parola di Deutsche Bank

Quando si parla di sostenibilit del debito pubblico, c' qualcosa che non quadra nella narrazione della Commissione Europea, delle agenzie di rating e pure della BCE. L'Italia ha un debito enorme, il 133% circa del Pil, che cresce per a causa degli interessi. Infatti, al netto di questi, l'Italia in surplus primario (spende cio meno di quanto incassa) da oltre 25 anni. Un debito, va sottolineato, che ha comunque sempre onorato dal 1861. Senza contare che nel debito sono compresi i vari prestiti all'estero tipo ESFS e salva-stati vari di famigerata introduzione, che non vedremo mai indietro. Siamo per un contribuente netto della UE (versiamo pi di quanto ci viene retrocesso), abbiamo un surplus commerciale grazie all'export, e una ricchezza privata che copre svariate volte il debito pubblico. Fattori che gli altri Paesi UE si sognano di avere. Eppure, tutto ci non basta alle agenzie di rating (aziende private in enorme conflitto di interessi), alla BCE e alla Commissione Europea. C' la crisi, ma l'austerity ci impedisce di uscirne. La situazione a dir poco anomala se non surreale. E quanto questi giudizi siano distanti dalla realt economica e finanziaria del nostro Paese testimoniato anche da un insospettabile: David Folkerts Landau, capo economista della Deutsche Bank (!). In una intervista a Bloomberg ha dichiarato che ''L'Italia in surplus, al netto del pagamento degli interessi. La cosa pi straordinaria che lo sforzo fiscale dell'Italia superiore a quello fatto da chiunque altro in Europa: ha accumulato surplus primari per il 13% del PIL, mentre la Germania solo del 5%. L'Italia, in questo senso, il Paese pi virtuoso in Europa. Ed ora il fatto di andare da lei con una mazza da baseball e dire 'Devi abbassare il tuo budget perch sia sostenibile per i criteri della UE', va contro tutte le ragioni e le logiche politiche. (...) Si, sono fortemente dalla parte degli italiani su questo particolare argomento''. Bastano poche parole di buon senso per stroncare Juncker, Moscovici, Dombrovskis e soci, piccoli e rancorosi burocrati sul viale del tramonto.



Claudio Gandolfo

Idee e opinioni

Esponenziale a chi?

Perché le banche italiane devono consolidarsi

Cover Story

Bandelli (Peroni): portiamo il Made in Italy nel mondo

Finanza e investimenti

Marketing



Digital Business

Fare Business



Sport Business

Leisure

BusinessCommunity.it
Settimanale economico finanziario

Direttore Responsabile:
Gigi Beltrame

Direttore Editoriale:
Claudio C. Gandolfo

Per informazioni clicca qui.