19/06/2019

idee

Perchè in Germania c'è tanta agitazione

 

Gli ultimi dati economici sono impietosi e mettono in discussione il sistema della compressione salariale in funzione dell'export e di bassa spesa pubblica portato avanti finora

C'è molta tensione tra Berlino e Francoforte. E si capisce bene perché si tenti l'accoppiata - impossibile da digerire per chi in Europa non si chiami Olanda, Austria o Finlandia - di Weber al Parlamento Europeo e Weidmann alla BCE.
Gli ultimi dati sono a dir poco impietosi: export -3,7%, import -1,3%. La produzione industriale ha segnato un -1,9% contro il +0,5% precedente e il +0,4% atteso dal mercato. Si tratta della prima riduzione del 2019. Molto forte il calo dei beni capitali, (-3,3%) dei beni intermedi (-2,1%) energia (-1,1%) e beni di consumo (-0,8). Anno su anno il calo è dell'1,8% accentuando il -0,9% di marzo.

Perch in Germania c' tanta agitazione

La Bundesbank taglia le stime di crescita del Pil allo 0,6% nel 2019 (era 1,6%) e all'1,2% nel 2020 (sempre 1,6%), e pure dell'inflazione: per il 2019 dovrebbe attestarsi all'1.4% (immutata) e per il 2020 all'1.5% (1.8% precedente).
Cifre discordanti, e non di poco, da quelle di BCE, Commissione UE, OCSE, FMI ecc., a dimostrare che fare piani triennali in questa contingenza mondiale non solo è esercizio sterile, ma può anche esser dannoso e fuorviante. Esattamente come i NADEF tanto cari a Moscovici e Juncker.
Senza contare che a livello politico, se pensiamo che in Italia vi sia una situazione politica "confusa", a Berlino lo è molto, molto di più, con i partiti al governo che prendono batoste ad ogni elezione. Peraltro, anche il successore designato di Merkel, Annegret Kramp-Karrenbauer o KKK, non è poi così sicura di prenderne il posto, visto che non si fa mancare nulla tra gaffe e fallimenti elettorali. E l'ascesa dei Verdi (oltre che di AfD) non fa che complicare la situazione.

Seguici: 

Ritornando all'economia, ci sarebbe quella piccola questione legata al surplus. Con il calo dell'export, il commercio mondiale in contrazione, da qualche tempo ha una tendenza al ribasso.
E tra necessità di rivalutare il mercato interno - evitato come la peste per due decenni con la fobìa dell'inflazione - proteste sempre più diffuse tra la popolazione che vive sulla propria pelle cosa significa vivere nel Paese della UE con il maggior dato dell'Indice Gini (divario tra ricchi e poveri), vuoi vedere che tra un po' vedremo un governo che comincia finalmente a spendere in infrastrutture e welfare?
Sarebbe come sconfessare anni di austerity che hanno portato la Germania, o meglio molte sue multinazionali, a creare un surplus di bilancio mostruoso, ma a scapito dei propri lavoratori e dei partner europei.
Se, come sembra ormai assodato, dopo la Cina sarà proprio la Germania a finire nel mirino di Trump, si spiegherebbero molto bene i tagli alle previsioni di crescita. E allora Berlino avrà l'assoluta necessità di guardare con occhio più benevolo ai suoi partner europei, oltre che a fare concessioni al mercato interno. Persino il falco Weidmann se ne è accorto...

Anni fa scrivevamo che la Germania "stava segando il ramo su cui è seduta". Siamo quasi arrivati alla fine, ma non smettono di segare.
Claudio Gandolfo



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it