25/03/2020

fare

L'importanza di avere supply chain resilienti

 

Lucker (Cass Business School): molte aziende non hanno fatto piani in caso di interruzione delle forniture e adesso sono in difficoltà, come gli OEM dell'auto

Ci vuole un Business Continuity Management in ogni azienda, soggetti che in caso di necessità sappiano cosa fare e pensare anche fuori dagli schemi. Queste figure sono tanto più necessarie ora, in tempo di crisi da coronavirus. Ma per essere preparati, occorreva pensare per tempo, creando con loro delle supply chain resilienti, che reggessero all'urto della crisi. Ne abbiamo parlato con Florian Lucker, docente di Supply Chain Management alla Cass Business School.

L'importanza di avere supply chain resilienti

In che modo il coronavirus sta influenzando le catene di approvvigionamento? Qual è l'impatto dell'epidemia per i consumatori e i produttori?
Ci sono due effetti del coronavirus sulle supply chain globali. Da un lato c'è un'interruzione dell'approvvigionamento dovuta alla domanda perché all'improvviso quella di alcuni prodotti, come i disinfettanti, aumenta, soprattutto nell'industria farmaceutica.
Dall'altro lato c'è un'interruzione dell'approvvigionamento dovuta al fatto che gli Original Equipment Manufacturers (OEM) potrebbero essere a corto di componenti necessari per l'assemblaggio finale dei prodotti. Diverse aziende nel Regno Unito e all'estero hanno già emesso "profit warnings" a causa di interruzioni dell'approvvigionamento.
Oltre all'industria automobilistica, ci sono altri settori particolarmente a rischio?

Seguici: 

Tutte le catene di approvvigionamento potrebbero essere potenzialmente colpite. Le aziende automobilistiche hanno catene di fornitura particolarmente lunghe con molte fasi del processo di produzione, quindi sono chiaramente a rischio, come abbiamo visto con Jaguar Land Rover.
Come possono le aziende costruire supply chain resilienti per proteggersi dai rischi?
Le aziende che sono consapevoli del rischio di interruzioni di approvvigionamento spesso costruiscono supply chain resilienti utilizzando scorte di magazzino e di emergenza. Purtroppo, molte aziende sperano ancora che tali interruzioni non si verifichino. In questi casi le aziende sono costrette a trovare soluzioni creative per il loro Business Continuity Management. Se non hanno una supply chain resiliente, perdono le vendite, quindi devono pensare fuori dagli schemi.

Qualche esempio di aziende che lo stanno già facendo?
Le aziende farmaceutiche sono tipicamente note per le loro catene di approvvigionamento resilienti. Poiché queste aziende spesso forniscono ai clienti farmaci salvavita, non solo hanno incentivi economici, ma devono anche soddisfare i requisiti normativi.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it