15/07/2020

leisure

Diritto alla felicità (in azienda)

 

Molte organizzazioni ora prevedono l'istituzione del Chief Happiness Officer nel loro organico

Cosa non si fa per rendere ancora più gradevole la permanenza in azienda? Se questo valeva molto prima del COVID-19 forse lo sarà ancor di più a mano a mano che le persone ritorneranno in azienda. L'ultima trovata, in ordine di tempo, è certamente quella del Chief Happiness Officer, figura emergente che molte organizzazioni aziendali iniziano a prevedere nel loro organico.
Di questo nuovo profilo, delle sue competenze e, soprattutto, strumenti e ruolo che deve ricoprire si occupa il nuovo lavoro di Veruscka Gennari e Daniela Di Ciaccio, dal titolo "Chief Happiness Officer. Il futuro è delle organizzazioni positive", edito da Franco Angeli.

Diritto alla felicit (in azienda)

Curiosamente ho letto il testo a cavallo delle celebrazioni del 4 luglio, anniversario della fondazione degli Stati Uniti nella cui costituzione trova affermazione il principio del diritto alla felicità di ogni individuo.
Curioso ora che questo principio trovi albergo anche nell'impresa, luogo nel quale più d'altri è difficile coniugare aspettative, principi e progetti dei singoli.
Nel testo le due autrici forniscono un inquadramento di chi sia il Chief Happiness Officer, le competenze che deve possedere e quali mandati deve adempiere nell'interesse integrato del singolo, della collettività e dell'impresa stessa (e dei suoi azionisti).
Il testo, grazie al contributo e all'esperienza di chi sta già formando CHO in Italia e nel mondo, costituisce un valido supporto tanto per la direzione HR, il CEO, leader e consulenti tutti impegnati, oggi più che mai nel definire insieme una nuova cultura organizzativa che passi sulla sostenibilità e sull'appagamento di chi opera in azienda.

Seguici: 

Più prosaicamente, forse anche in ragione dei tempi che stiamo vivendo, sembrano andare in soffitta strumenti materiali di gratificazione, per lasciare spazio ad un concetto di appagamento e realizzazione più alti, spirituali.
Come tutto questo si riesca a declinare nel mondo del lavoro sembra complesso e sconosciuto ai più. Certamente vi sono imprese che già oggi si presentano come paradisi in terrà, con spazi, ambienti, organizzazioni che mal si conciliano con l'idea di ufficio. Il nostro tessuto imprenditoriale è assai diverso da quello che si immagina in aula. Tuttavia lo sforzo è benemerito e tutto quello che può essere tentato per riattivare l'entusiasmo per il posto di lavoro deve essere tentato. Da qui ad essere tutti amici, come in una comune, di strada ne resta molta da percorrere
Titolo: Chief Happiness Officer. Il futuro è delle organizzazioni positive

Autori: Veruscka Gennari e Daniela Di Ciaccio
Editore: FrandoAngeli
Pagine: 258

@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it