16/09/2020

leisure

Impresa: voglia di anarchia organizzativa?

 

Siamo circondati da organizzazioni che non amiamo e che sostengono costi crescenti per attrarci, coinvolgerci e renderci produttivi. Questo circolo vizioso va interrotto

Questa settimana propongo un testo davvero provocatorio (attenzione, nella sua accezione più positiva del termine). Ci riferiamo a "Freedom Management. Organizzazioni centrate sulla libertà dell'individuo", di Luca Solari, docente universitario a Milano, edito da FrancoAngeli per la collana HR Innovation curata con AIDP.
Il testo parte da un assunto di fondo quanto mai attuale: le organizzazioni, in primis quelle del mondo del lavoro, sono strutture adatte ai tempi moderni? Evidentemente no, verrebbe da dire, soprattutto alla luce di due fattori. L'esplosione tecnologica e l'affermarsi di nuove modalità di lavoro, e conseguenti funzioni; il COVID-19, che ha di fatto imposto in poche settimane uno stravolgimento, almeno del lavoro non fisico, e la sua riorganizzazione su nuovi crismi.

Impresa: voglia di anarchia organizzativa?

Pandemia a parte, l'organizzazione deve essere riconsiderata, mettendo al centro il ruolo che l'individuo deve ricoprirvi. L'Autore, forte della sua lunga attività di ricerca sul campo, analizza attentamente modelli e conseguenti evoluzioni organizzative, convinto che se da un lato la tecnologia semplifica la vita, dall'altro la mente dell'individuo deve essere lasciata libera di sperimentare, sbagliare e correggersi, anche sul lavoro.
Questo percorso, semplifichiamo, disegna nuove traiettorie che coinvolgono il concetto stesso di competenza, di ruolo, di mansione, di organizzazione e tempo del lavoro. Un sistema più snello ed agile, dove il valore aggiunto e il contributo che ogni individuo è chiamato a portare si disegna sulle proprie esperienze e inclinazioni.
Un sistema, diciamolo, sulla carta chiaro, ma nella pratica pericolosamente fragile, che richiede, e qui sta forse il vero tema, e impone al management un forte sforzo intellettuale.

Seguici: 

E' chiaro, e la storia economica lo insegna, che il controllo costituisce l'arma più efficace per attuare strategie in periodi fortemente complessi (e questo lo è certamente!); qui è la fiducia nella capacità dell'individuo di mettersi alla prova, disegnare un suo ruolo, perseguirne i relativi obiettivi.
Confesso che terminata la lettura del testo, ho cercato di calare nella mia dimensione professionale quanto sostenuto dall'autore. Mi è tornata in mente una realtà, dove non ho mai lavorato, ma che conosco per motivi professionali: Tetra Pak. Vi si applica diffusamente una forma di frontiera dello smartworking, ponendo sul singolo dipendente la libertà di organizzarsi il lavoro secondo le proprie esigenze personali e familiari. Quel che conta è che il lavoro sia fatto (bene) e nei tempi concordati. Massima fiducia nel dipendente e nella sua autodeterminazione.

Come dire, l'utopia è possibile. Resta un ultimo quesito, fondamentale, pensando al tessuto imprenditoriale italiano: la dimensione, la cultura del management come si superano?
Titolo: Freedom Management. Organizzazioni centrate sulla libertà dell'individuo
Autore: Luca Solari
Editore: FrancoAngeli
Pagine: 182


@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it