04/11/2020

leisure

Generazioni: serve una santa alleanza?

 

L'autore tratteggia il profilo delle almeno cinque diverse generazioni che oggi in Italia si confrontano, si scontrano? e talvolta si ignorano. Ma occorre impostare un dialogo

Un testo fruibile e molto interessante. Semplice nella sua forma, ma ricco di spunti per una riflessione concreta che vada oltre il luogo comune. È questa la sensazione che resta dopo aver letto l'ultimo scritto di Federico Capeci, ricercatore e Ceo della Divisione Insights per l'Italia, Grecia ed Israele di Kantar, dal titolo "Generazioni. Chi siamo, che cosa vogliamo, come possiamo dialogare", edito da FrancoAngeli.

Generazioni: serve una santa alleanza?

Sintetizzando, nel nostro Paese, ma così in altre parti del mondo, vivono contemporaneamente sotto lo stesso cielo (e sui luoghi di lavoro) molte generazioni, ciascuna delle quali si è formata in un mondo che è progressivamente cambiato, e con esso i valori che ne costituivano il DNA portante ed accettato.
Generazioni che dovendosi confrontare tutti i giorni con i problemi della realtà, non ultima la pandemia COVID-19 e lo stravolgimento delle nostre vite che ne è conseguito, non possono semplicemente arroccarsi nella incomunicabilità. Si devono identificare punti valoriali comuni ed avviare una relazione transgenerazionale che permetta di sviluppare insieme progetti di crescita.
Ma cosa intendiamo per generazione? Ci dice Capeci, "un insieme di persone accomunate dall'aver vissuto in giovinezza uno specifico evento storico-culturale, sociale, economico, tecnologico, talmente importante da aver cambiato il loro modo di vedere le cose e l'idea stessa di cosa sia importante per il futuro".

Seguici: 

Nel suo scritto Capeci tratteggia le caratteristiche delle generazioni oggi presenti, partendo dai Silent generation, i Baby Boomers, la Generazione X, i Post Millennials, i giovani della Generazione Y e i teenagers della generazione Z sino alla Generazione Alpha (minori di 14 anni). Ciascuna ha le sue caratteristiche, i propri valori, le proprie attitudini, ma da sola, chiosa più volte l'Autore, non va da nessuna parte.
Ecco quindi la necessità di dialogo, che deve avvenire solo con una propensione all'ascolto e al confronto. Per dirla con le parole dell'autore, "per poter dialogare e per poter costruire qualcosa insieme, occorre che le diverse generazioni capiscano l'origine delle proprie differenze e quindi il loro modo di pensare al passato, di agire nel presente e di ipotizzare il futuro".

Quello che non solo si dovrebbe fare tutti i giorni tra le pareti di casa ma, ancor più in azienda, a scuola e in politica.
Pena una deriva ed una grave crisi coabitativa. Partendo anche, sia consentito, da una conoscenza e cultura che spesso manca.
Titolo: Generazioni. Chi siamo, che cosa vogliamo, come possiamo dialogare
Autore: Federico Capeci
Editore: FrancoAngeli
Pagine: 186

@federicounnia - Consulente in comunicazione
@Aures Strategie e politiche di comunicazione
@Aures Facebook



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it