04/11/2020

sport

Manchester United: crollano i ricavi e aumentano i debiti

 

Il bilancio per il 2019-20 vede un calo di oltre 70 milioni di sterline sul previsto, con un fatturato che passa da 672 dell'anno precedente a 509. La buona notizia è che Chevrolet proroga per sei mesi la partnership

Il Manchester United ha registrato un calo complessivo dei ricavi annuali del 18,8% per l'anno fiscale chiuso al 30 giugno 2020, con il peggior dato che verrà a causa della pandemia COVID-19.
I ricavi totali del club per l'anno finanziario 2019-20 si sono attestati a 509 milioni di sterline (562 milioni di euro), con una diminuzione di 118,1 milioni, circa un quinto, rispetto al dato del 2018-19, con quasi tutti i flussi di reddito influenzati negativamente.

Manchester United: crollano i ricavi e aumentano i debiti

L'annuncio rappresenta una perdita di 70 milioni di sterline sui ricavi stimati precedentemente delineati di 580 milioni di sterline per la stagione, che a sua volta rappresentava già un calo significativo rispetto ai 672 milioni di sterline riportati per il 2018-19.
Ancora più preoccupante, il fatturato per l'ultimo trimestre dell'anno - i tre mesi che hanno visto il Regno Unito entrare in condizioni di lockdown e la stagione della Premier League sospesa - che è diminuito di quasi due quinti rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, arrivando a 81,5 milioni di sterline contro i 131,4 milioni nel 2019.
Anche il debito dello United è salito alle stelle nel corso dei 12 mesi in questione, più che raddoppiando, toccando i 474,1 milioni di sterline, con un aumento del 132,9 per cento rispetto al debito netto alla fine della stagione 2018-19. Il club attribuisce il problema ai pagamenti delle sponsorizzazioni differiti superiori a 80 milioni di sterline e all'aumento della spesa per gli investimenti dei giocatori.

Seguici: 

I problemi nel club sono molto più profondi di quelli causati dalla pandemia.
A gennaio di quest'anno, Deloitte aveva già avvertito che il club sarebbe stato superato dai suoi rivali locali Manchester City e Liverpool nella Football Money League, mentre i suoi ricavi per la stagione 2019-20 erano già stati significativamente influenzati dalla mancata qualificazione del club alla UEFA Champions League.
I ricavi da broadcasting sono stati i più gravemente colpiti, scendendo del 41,9% a 140,2 milioni di sterline, un calo che è in gran parte attribuibile alla mancata assegnazione dei diritti di trasmissione della Champions League da parte dell'Uefa.
Alcuni dei proventi delle trasmissioni della Premier League sono diminuiti per il 2019-20 a causa della sospensione e dalla ripresa tardiva della stagione.
Il reddito da matchday è sceso del 19% per l'intero anno a poco meno di 90 milioni di sterline, ma è sceso del 76,9% per i tre mesi fino a giugno 2020. Il club ha incassato solo 5,5 milioni per quel periodo, in calo da 23,8 mln per gli stessi tre mesi dell'anno prima, con la stagione sospesa e poi conclusa a porte chiuse.

I ricavi commerciali - che comprendono i proventi da sponsor aziendali, licenze e merchandising - sono stati l'unico settore dei principali verticali finanziari di United a mostrare un guadagno anno su anno per il 2019-20, in aumento dell'1,4% a 279 milioni di sterline dopo l'aggiunta di altre otto partnership globali e il rinnovo di otto accordi esistenti.
Il club ha anche annunciato anche una proroga di sei mesi del suo accordo con il suo sponsor principale, la casa automobilistica statunitense Chevrolet, a seguito del disagio causato dalla pandemia. L'accordo iniziale, del valore di 79,8 milioni di dollari (66,2 milioni di euro) all'anno, doveva scadere alla fine della stagione in corso e il rinnovo porta il rapporto fino a dicembre 2021, a seguito delle segnalazioni secondo cui il brand era stato deluso dalle prestazioni del Manchester United nel corso della sponsorizzazione iniziata nel 2014.

Il reddito commerciale è cresciuto anche in proporzione alle entrate complessive - al 54,8%, rispetto al 27,6% dell'anno precedente - sottolineando la crescente dipendenza del club dal suo marchio globale e dall'attrattiva per gli sponsor.
Il club ha riportato un piccolo profitto operativo complessivo di 5,2 milioni, anche se anche questo è stato oscurato dal considerevole deficit di 39 milioni per i tre mesi dal 30 marzo al 30 giugno, ed è diminuito notevolmente rispetto al profitto di 50 milioni riportato nel 2019-20.
Incertezze sul futuro
Interpellato dai media inglesi, il Manchester United ha rifiutato di offrire indicazioni sulle entrate per l'esercizio finanziario in corso, affermando nella sua dichiarazione che "l'incertezza continua" ha reso difficili le previsioni future.
Con il governo britannico che apparentemente non è disposto a cambiare la sua politica di non consentire ai fan di tornare negli stadi, non ci sono buone promesse che le entrate da stadio aumenteranno in modo significativo, anche se il ritorno del club in Champions League dopo un finale importante della stagione 2019-20 darà il suo contributo, con i diritti TV che saliranno per il trimestre in corso.

Il vicepresidente esecutivo Ed Woodward ha dichiarato che "ci sono ancora grandi sfide e incertezze in vista mentre la pandemia di coronavirus continua a sconvolgere il nostro modo di vivere in tutto il mondo. Questa interruzione è evidente nei risultati finanziari e prevediamo che l'impatto rimarrà visibile per un bel po' di tempo a venire.
La nostra attenzione rimane sulla protezione della salute dei nostri colleghi, fan e comunità, adattandoci alle significative ramificazioni economiche della pandemia. In questo contesto, la nostra massima priorità è riportare i fan nello stadio in modo sicuro e il prima possibile
".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it