09/12/2020

idee

Ecco qual è stato il vero impatto economico dei lockdown nel mondo

 

C'è un legame tra il tempo che i Paesi di tutto il mondo hanno trascorso in isolamento e il danno economico. I blocchi sono da soli responsabili della contrazione del PIL in tutto il mondo?

In tempi di crisi, l'economia è di solito il primo punto che prelude al disastro e l'impatto può essere sentito per molti anni dopo. La Banca d'Inghilterra afferma che la storia ha dimostrato che ci sono due cose certe quando si tratta di crisi finanziarie: un'altra seguirà, e sarà diversa dall'ultima.
Il nostro mondo è cambiato radicalmente nel corso della gran parte dell'anno. Un raro disastro di una pandemia globale mai vista prima nella nostra vita ha portato i Paesi a introdurre le necessarie quarantene e misure di allontanamento sociale nel tentativo di frenare la diffusione del virus. Ciò ha avuto un effetto negativo, ma necessario, sulle nostre economie. Una crisi che porta grande incertezza, con i governi che stanno fornendo supporto ai lavoratori, alle imprese e ai mercati finanziari, per guidarci verso una forte ripresa. Tuttavia, ci sono dubbi su come sarà il nostro panorama economico globale quando le cose torneranno alla normalità.

Lockdown in tutto il mondo

I responsabili politici hanno avuto la difficile decisione di quando implementare il blocco, la gravità delle restrizioni e per quanto tempo mantenere in vigore le misure. I lockdown sono stati accolti in tutto il mondo sia a braccia aperte e sia con critiche. Per esempio, in Sud Africa, sono state messe in atto le misure più severe per combattere alcuni dei più alti livelli di virus. Il Paese ha addirittura vietato la vendita di alcol e tabacco.

Ecco qual  stato il vero impatto economico dei lockdown nel mondo

Sebbene i lockdown salvino vite umane, ci sono effetti devastanti per le economie globali, con la spesa che precipita ai minimi storici. La ricerca della società finanziaria Jefferies negli Stati Uniti ha dimostrato che in stati come Arizona, Texas e Utah, dove il numero di casi di COVID-19 era in forte aumento, la spesa aveva iniziato a contrarsi fin da subito. Quando si confrontano i dati statali su Google che esaminano gli esercizi commerciali e ricreativi, gli stati con un numero elevato di virus hanno prestazioni notevolmente peggiori di altri.
La Danimarca e la Svezia hanno approcciato il lockdown in modo abbastanza diverso, con la Svezia che ha scelto di fidarsi dei suoi cittadini nel comportarsi in modo responsabile piuttosto che imporre un blocco. Nel frattempo, la Danimarca ha introdotto uno dei primi e più severi blocchi. Sebbene il tasso di mortalità della Svezia fosse cinque volte superiore a quello della Danimarca, l'impatto economico era simile.

Ecco qual  stato il vero impatto economico dei lockdown nel mondo

La ragione di ciò, afferma Dhaval Joshi, di BCA research, è che le persone cambiano il loro comportamento indipendentemente dal fatto che ci sia un lockdown o meno. Evitano i trasporti pubblici, stanno lontani dai negozi e si rifiutano di mandare i figli a scuola.
Ma diamo un'occhiata a quanto tempo i Paesi sono stati bloccati per la prima ondata per vedere se esiste un collegamento tra danni economici e lockdown.

Cambiamento del PIL globale

QuickBooks, azienda di software per la contabilità online, ha condotto una ricerca esaminando le date in cui il lockdown è stato introdotto per la prima volta in un Paese e termina alla data in cui i provvedimenti sono stati gradualmente revocati. Sono stati esaminati il PIL del 2019 per ogni paese e le previsioni per il 2020 di Trading Economics.

Seguici: 

I Paesi esaminati in questi dati che hanno registrato la maggiore contrazione del PIL sono:
1. Russia (-26%);
2. Regno Unito (-19%);
3. Sud Africa (-16%);
4. Spagna (-14%);
5. Ungheria (-14%);
I Paesi esaminati in questi dati che hanno registrato la minore contrazione del PIL sono:
1. Australia (-5%);
2. Svizzera (-8%);
3. Canada (-8%);
4. Italia (-10%);
5. Norvegia (-11%);
Dai dati, solo due di questi Paesi sono stati inclusi tra i primi cinque anche per la durata del lockdown. Il Regno Unito ha registrato il blocco più lungo, con 95 giorni, e la Spagna il secondo, con 98 giorni.
Tre dei cinque Paesi che hanno trascorso il minor tempo in isolamento hanno registrato la contrazione più bassa del PIL. La Svizzera ha vissuto 42 giorni di blocco, mentre Australia e Canada hanno vissuto 49 giorni.

Ne vale la pena?

Dai dati sembra che non ci sia uno schema che rifletta l'idea che più giorni di blocco hanno un effetto negativo più forte sul PIL. Nonostante si siano bloccati per 28 giorni in più, si prevede che la Spagna e l'Ungheria subiranno un calo del -14% sul loro PIL complessivo, per esempio. Allo stesso modo, nonostante la Francia si blocchi per altri 26 giorni, sia essa sia la Germania dovrebbero vedere un calo del -12% del loro PIL nel 2020.

È possibile che ci siano altri fattori che contribuiscono, incluso quanto dimostrato e discusso in precedenza con Svezia e Danimarca. Indipendentemente dal periodo di tempo, non sembra che un lungo lockdown abbia avuto un impatto maggiore sul PIL rispetto a un breve blocco. È possibile che i comportamenti generali delle persone abbiano un'influenza maggiore, con le popolazioni che si comportano in modo diverso in una pandemia indipendentemente da un lockdown.
Una ricerca di McKinsey ha riportato che mentre continua l'incertezza da COVID-19, il suo impatto si fa sentire in modo differente nei diversi Paesi. C'è una differenza significativa nel modo in cui i consumatori rispondono alla crisi e si adattano alla prossima normalità e, a loro volta, hanno un impatto sull'economia.

Gli Stati Uniti erano unici in quanto non hanno introdotto un lockdown a livello nazionale e hanno invece permesso agli stati di stabilire le proprie regole. Per esempio, la California è stato il primo stato a ordinare il blocco il 20 marzo. Guardando le previsioni del 2020, il loro PIL è destinato a crescere: è stato d'aiuto un blocco più breve a livello statale basato sui numeri regionali?

Siamo attualmente nella seconda ondata del virus, con molti Paesi che subiscono un secondo blocco. Questo potrebbe avere ulteriori effetti negativi senza precedenti, soprattutto in economie già in difficoltà come Spagna, Italia e Sud Africa.
È possibile che i lockdown stessi non siano sempre la causa del calo del PIL? Sebbene il lockdown sia necessario per salvare vite umane, è stato un argomento controverso a livello globale. Utilizzare i blocchi in modo saggio ed efficace è fondamentale per proteggere vite e Paesi, ma è importante comprenderne l'impatto sociale e finanziario.
Lucy Desai, QuickBooks



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it