07/01/2021

fare
Retribuzioni: la classifica dei 5 settori più resilienti

Retribuzioni: la classifica dei 5 settori più resilienti

Miriam Quarti (ODM Consulting): in epoca di pandemia le attività dei settori che non rientravano tra i cosiddetti servizi essenziali sono state penalizzate in confronto a quelle che hanno potuto continuare a operare sul mercato


Crescono lievemente le retribuzioni nel settore Farmaceutico e della GDO, calano invece quelle nel comparto Moda e Automotive: l'effetto COVID-19 sulle retribuzioni varia nei diversi settori produttivi italiani, secondo quanto rileva il 28° Rapporto Retribuzioni di ODM Consulting, società di consulenza HR di Gi Group, elaborato su un database di che fa riferimento a un universo di oltre 15 milioni di lavoratori italiani dipendenti di imprese private.
La diffusione del COVID-19 e il conseguente lockdown hanno avuto un forte impatto sull'economia, il mercato del lavoro e le imprese italiane. Per quanto riguarda le retribuzioni degli italiani l'effetto principale e generalizzato è stato quello di un blocco dei trend di crescita nel 2020, trasversale agli inquadramenti, al genere, al livello di istruzione e alle dimensioni dell'azienda. Tuttavia, anche se in misura contenuta, se si osservano da vicino i comparti, cioè i vari settori produttivi, si notano delle dinamiche retributive più variegate.

Retribuzioni: la classifica dei 5 settori pi resilienti

"In uno scenario di congelamento della crescita delle retribuzioni, il cluster dei comparti è l'unico per cui si sono riscontrati dei trend differenziati, anche se rimangono comunque contenuti", commenta Miriam Quarti, Senior Consultant e Responsabile area Reward & Engagment di ODM Consulting. "La pandemia e la conseguente decisione del Governo di dichiarare il lockdown a livello nazionale ha comportato un periodo di sospensione delle attività che ha coinvolto circa i due terzi delle imprese, anche se con tempi e durata diversi, e una conseguente riduzione della produttività industriale. Per questo, anche il mercato retributivo è stato ampliamente influenzato dal contesto economico corrente in cui le attività dei settori che non rientravano tra i cosiddetti servizi essenziali sono state penalizzate in confronto a quelle che hanno potuto continuare a operare sul mercato".

Retribuzioni: la classifica dei 5 settori pi resilienti

Anche se con variazioni contenute, quindi, si registrano delle differenze nell'andamento dei trend retributivi all'interno dei comparti del sistema produttivo, alcuni prevedibilmente in calo, altri in incoraggiante crescita.
Tra questi ultimi, cioè quelli che, a livello generale, sono cresciuti maggiormente, troviamo 5 settori che rientravano fra le attività essenziali e che hanno subìto in misura minore il lockdown, riscontrando anzi un incremento delle attività:
1. Corrieri/Trasportatori/Logistica;
2. Grande distribuzione food;
3. Farmaceutica;
4. Alimentare;
5. Energia elettrica, gas, acqua.
In questi settori si riscontra un aumento medio di quasi 600 euro, con un picco di quasi 1.000 euro nell'industria farmaceutica.
Al contrario ci sono stati dei comparti che hanno subito maggiormente l'effetto delle misure restrittive imposte nella prima parte dell'anno in corso e che hanno subito un rallentamento delle attività e, conseguentemente, un trend retributivo negativo. Ecco i primi 5 tra quelli analizzati nel report:

Seguici: 

1. Commercio al dettaglio;
2. Industria dell'abbigliamento/Moda;
3. Pubblici esercizi;
4. Alberghiero;
5. Tessile.
In questi settori si riscontra una diminuzione media superiore ai 300 euro, con un calo di quasi 500 euro nel commercio al dettaglio.
Quali i settori con le retribuzioni più alte?
Come detto, la variazione delle retribuzioni è stata contenuta e non ha avuto un impatto significativo sulla lista dei comparti che presentano generalmente le retribuzioni più elevate per ciascun inquadramento.
I macro-settori che pagano di più sono quello finanziario per Dirigenti (RTA 150.640 euro) e Quadri (RTA 66.852) e quello dell'industria per Impiegati (RTA 36.703) e Operai (RTA 28.615).
Infine, è interessante notare come, trasversalmente a tutti gli inquadramenti, le retribuzioni del comparto dell'industria Farmaceutica si confermano essere fra le più alte: al secondo posto per i Dirigenti, dopo il settore Finance, al primo per tutti gli altri. Come già evidenziato è tra i primi 5 comparti in cui si è registrato un trend di crescita più elevato, il più significativo analizzando i dati retributivi in valore assoluto, circa 1.000 euro a livello generale, così suddiviso per le diverse categorie.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it