27/01/2021

digital

La biometria viene battuta dal mobile per la sicurezza degli accessi

 

Gareth Robinson (2N): l'accesso alle informazioni è diventato un elemento critico, ma la procedura deve essere sicura e affidabile

Uno degli aspetti più importanti relativi all'accesso ai dati e al riconoscimento degli utenti passa dall'autenticazione. Si tratta di processi che dovrebbero garantire sicurezza e praticità, ma in realtà spesso sono un elemento critico e fonte di stress. Ne abbiamo parlato con Gareth Robinson, Access Control Product Manager di 2N.
Quali sono i vantaggi del mobile rispetto alla biometria?
L'incremento dell'utilizzo delle mobile credential probabilmente non sorprende, considerata l'onnipresenza degli smartphone, e il tasso di crescita non smette di aumentare.
Nel 2018, i download annuali di credenziali mobili hanno raggiunto i 4,1 milioni in tutto il mondo. In soli tre anni, IHS Markit prevede che questo numero supererà i 120 milioni. Alla base di questo fenomeno ci sono diversi driver, il più importante dei quali è la comodità. Per l'utente, le credenziali mobile si traducono nel poter accedere al proprio edificio utilizzando il telefono senza dover portare con sé carte, passepartout o chiavi aggiuntive.

La biometria viene battuta dal mobile per la sicurezza degli accessi

A questo, si aggiunge il fattore sicurezza. Le soluzioni di accesso mobile possono garantire una robusta crittografia, non solo delle credenziali ma anche del canale di comunicazione, evitando che venga compromesso.
Le stesse funzionalità di sicurezza del telefono, come il blocco dello schermo, possono essere ulteriormente sfruttate per evitare che uno smartphone smarrito possa essere utilizzato per ottenere un accesso non autorizzato. Inoltre, le credenziali mobile non richiedono una conferma visiva quindi sono adatte agli edifici residenziali dove gli utenti possono entrare e uscire anche al buio o in condizioni di luminosità non ottimali e dove l'accesso avviene tramite veicolo. Sono comode anche per gli amministratori, poiché sono facilmente sostituibili in caso di smarrimento o furto del telefono (cosa che può non essere altrettanto applicabile per i dati biometrici, che si tratti di riconoscimento delle impronte o del viso). Infine consentono di gestire il controllo degli accessi in tutto l'edificio, non solo in corrispondenza degli ingressi principali dotati di videocitofono, poiché i lettori Bluetooth sono relativamente economici e possono essere facilmente utilizzati per monitorare l'accesso a singole stanze o aree dello stabile.

Seguici: 

Lato applicazione: in quanto tempo è possibile implementare una soluzione di questo tipo?
Le credenziali mobili sono semplici da installare e sono progettate per funzionare perfettamente in ambito residenziale e commerciale. Per esempio, il nostro citofono modulare IP Verso offre una gamma di lettori totalmente intercambiabili.
Un lettore RFID può essere convertito in pochi minuti in uno Bluetooth, senza bisogno di sostituire il citofono. Inoltre, la nostra gamma di lettori comprende opzioni che supportano anche tipologie di credenziali multi tecnologia. Scegliendo un lettore che supporta sia RFID che Bluetooth, o codici PIN e Bluetooth, nel tempo è possibile migrare verso le credenziali mobile più comode, senza effettuare alcun cambiamento per le persone che utilizzano il lettore.
Per quanto riguarda la piattaforma stessa, il supporto delle credenziali mobili sta diventando sempre più una caratteristica fondamentale. Il nostro software Access Commander supporta l'iscrizione e la gestione delle credenziali Bluetooth e lo fa da un po' di tempo, quindi è necessario solo garantire che il software sia aggiornato. La scelta di un sistema che offra flessibilità è la chiave per la transizione verso le nuove tecnologie, come le credenziali mobili, man mano che emergono.

Quali sono i futuri sbocchi della soluzione?
I nostri clienti riconoscono che la nostra doppia soluzione con citofoni IP e unità di controllo degli accessi offre vantaggi in termini di eleganza del design, funzionalità e resistenza dei materiali. La tecnologia di accesso mobile è già apprezzata in ambito residenziale, come abitazioni indipendenti o plurifamiliari. Stiamo assistendo a un forte aumento dell'utilizzo mobile con le consegne a domicilio di generi alimentari e altri prodotti. Grazie a questa tecnologia innovativa, le persone ricevono le consegne a domicilio in modo sicuro e comodo anche quando sono fuori casa. Un'applicazione video abilitata sul proprio smartphone consente all'utente di autorizzare l'accesso ad aree sicure, permettendo di effettuare la consegna in un luogo specifico, come una stanza adibita a questa funzione in un condominio o un'area a casa di qualcuno. Attualmente stiamo lavorando a una nuova soluzione che garantirà ai facility manager una piattaforma flessibile e intuitiva per gestire le credenziali e i diritti di accesso dei residenti, a cui al contempo forniamo un'applicazione in grado di migliorare la loro living experience all'interno della proprietà, gestire da remoto le videochiamate alla porta, consentire l'accesso mobile a ospiti e visitatori. Sicuramente continueremo a sviluppare questa piattaforma per offrire sempre più comodità ai residenti, soddisfando molte delle loro esigenze domestiche attraverso un'unica interfaccia.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it