27/01/2021

sport

KPMG: i ricavi operativi diminuiscono tra i primi sei campioni nazionali europei

 

La crisi causata dal coronavirus ha posto degli interrogativi sulla sostenibilità finanziaria dell'ecosistema calcio nel suo complesso e ne ha ulteriormente evidenziato la fragilità

Secondo un nuovo studio di KPMG, la pandemia COVID-19 ha avuto un impatto significativo sui ricavi operativi dei club in quasi tutti i sei principali campionati europei e sui difetti evidenti nel modo in cui viene gestito il calcio.
Il "The European Champions Report 2021" ha analizzato i vincitori dei sei maggiori campionati di calcio europei e ha rilevato che ogni club ha subito riduzioni significative dei ricavi operativi per la stagione 2019-20.
Per Andrea Sartori, Global Head of Sports di KPMG, "se nelle stagioni antecedenti al COVID-19 si era registrata una costante e stabile crescita per quasi tutte le squadre campioni delle principali leghe nazionali europee, la stagione passata è stata complicata per tutti, anche se in misura diversa. La crisi causata dal coronavirus ha posto degli interrogativi sulla sostenibilità finanziaria dell'ecosistema calcio nel suo complesso e ne ha ulteriormente evidenziato la fragilità. Anche prima della pandemia, gli elevati stipendi dei giocatori, insieme alle crescenti commissioni di trasferimento e agenti, hanno messo a dura prova le finanze dei club. La crisi ha amplificato questi difetti nell'attuale modello di business. Le società calcistiche hanno improvvisamente dovuto affrontare problemi di liquidità con tutti i loro flussi di ricavo interessati dall'assenza delle entrate da botteghino, oltre alla rinegoziazione, sospensione o cancellazione dei pagamenti da parte di media e accordi commerciali".

KPMG: i ricavi operativi diminuiscono tra i primi sei campioni nazionali europei

I campioni portoghesi dell'FC Porto hanno registrato la diminuzione maggiore, con ricavi operativi in calo di 89 milioni di euro, una diminuzione del 50% su base annua. Tuttavia, il calo potrebbe anche essere attribuito all'uscita anticipata del club nei turni di qualificazione della Uefa Champions League.
L'FC Bayern Monaco, campione della Bundesliga e vincitore della Uefa Champions League, sembra aver resistito meglio alla crisi, registrando il calo meno grave del 3% dei ricavi, secondo il rapporto.
Nonostante un calo dell'8% dei ricavi, il Real Madrid, campione di LaLiga, ha registrato il reddito operativo più alto di tutti i club campione intervistati (681,2 milioni di euro).
Anche il Liverpool, campione della Premier League, ha registrato un calo delle entrate dell'8%, con ricavi operativi che sono scesi da 605 milioni di euro a 557 milioni per la stagione.

KPMG: i ricavi operativi diminuiscono tra i primi sei campioni nazionali europei

In un campione più ampio di 20 club europei che hanno già pubblicato i risultati finanziari per la stagione 2019-20, lo studio ha rilevato una diminuzione aggregata di oltre 1 miliardo di euro dei ricavi operativi totali, un calo del 13,9% su base annua.
KPMG ha affermato che solo due club nel campione più ampio sono riusciti ad aumentare i propri ricavi operativi durante la stagione colpita dalla pandemia: Sevilla FC e Borussia Dortmund.
Dei sei club del campione, il Paris Saint-Germain ha registrato la più grande perdita complessiva in termini assoluti di 95,4 milioni di euro, un calo del 15% su base annua.
"Anche prima della pandemia, gli stipendi gonfiati dei giocatori, insieme alle crescenti commissioni di trasferimento e di agente, hanno messo a dura prova le finanze dei club. La crisi ha amplificato questi difetti nell'attuale modello di business", afferma il report.

Seguici: 

Che aggiunge: "alcune prove suggeriscono che i ricavi delle trasmissioni televisive potrebbero essere in declino a causa di un ecosistema calcistico globale meno sano. Sono stati concessi sconti alle emittenti di molti campionati europei, come LaLiga, a causa della qualità diluita del prodotto derivante da una parte significativa della stagione giocata a porte chiuse.
Inoltre, la Bundesliga ha rinnovato la sua partnership nazionale al 5% in meno rispetto al precedente accordo a causa dell'onnipresente incertezza sulla pandemia.
In casi estremi, come la controversia tra la Premier League inglese e la PPTV, o la Ligue 1 e Mediapro, i partner di broadcasting non sono riusciti a compensare i pagamenti inizialmente concordati per i diritti dei media. Per compensare un altro periodo prolungato di attività con entrate ridotte, i club hanno cercato di cercare misure alternative per monetizzare le partite dal vivo, accelerando la digitalizzazione del calcio
".

Uno studio pubblicato dalla European Club Association lo scorso novembre prevedeva che la pandemia costerebbe ai club di punta dell'Europa più di 5 miliardi di euro di mancati guadagni.
L'ECA, che rappresenta gli interessi di 246 club d'élite di 55 federazioni affiliate all'Uefa, aveva inizialmente previsto che la crisi sarebbe costata ai club d'élite fino a 4 miliardi di euro di entrate nelle stagioni 2019-20 e 2020-21, ma ha rivisto il crescere con il perdurare della crisi.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it