10/03/2021

idee

Global Soft Power Index 2021: crollano gli USA e Italia al 19° posto

 

La Germania occupa la prima posizione nella classifica di Brand Finance. La Nuova Zelanda ha ottenuto il miglioramento più netto. Le nazioni ben governate scalano i primi 20 posti, con il Giappone e UK che completano il podio

Un anno di turbolenze diffuse si è riflesso in modo netto nella ripida caduta degli USA nel Global Soft Power Index 2021 di Brand Finance, lo studio di ricerca più completo al mondo sulla percezione dei marchi nazionali, rendendola la nazione in più rapida caduta a livello globale. Tra una turbolenta campagna elettorale e una risposta casuale del COVID-19, la nazione ha perso la sua posizione di superpotenza mondiale del soft power, scendendo al sesto posto con un punteggio Indice complessivo di 55,9 su 100.

Global Soft Power Index 2021: crollano gli USA e Italia al 19 posto

Con l'esitazione dell'ex presidente Trump a riconoscere la portata e gravità della crisi derisa in patria e all'estero, gli Stati Uniti si trovano in fondo alla metrica COVID-19, classificandosi con un abissale 105° posto.
Secondo Laurence Newell, Amministratore Delegato di Brand Finance Americas, "la furia del virus negli Stati Uniti, combinata con il rimprovero dell'ex presidente Trump di competenza medica e la propaganda di rimedi casalinghi sconsiderati è il colpevole più probabile per il declino dello status di modello di ruolo di lunga data dell'America a livello internazionale, in un momento in cui una leadership globale ragionevole è stato probabilmente il più necessario".

La Germania conquista il primo posto

Come un faro di stabilità in un anno turbolento, la Germania ha sorpassato gli Stati Uniti per diventare la principale superpotenza mondiale del soft power.

Con un punteggio Global Soft Power Index di 62,2 su 100, la Germania ha un chiaro vantaggio di 1,6 punti sul Giappone al secondo posto (60,6) e si comporta in modo coerente negli 11 parametri dell'Indice, posizionandosi tra i primi cinque in nove di questi, e si classifica più in alto per Relazioni internazionali, Governance e affari e Commercio.

Global Soft Power Index 2021: crollano gli USA e Italia al 19 posto

David Haigh, CEO di Brand Finance (nella foto), ha commentato: "Angela Merkel è al comando della Germania e del continente dal 2005 e, nonostante le opinioni contrastanti sulla sua leadership in patria, è salutata globalmente dal grande pubblico come la leader più rispettata al mondo. Il suo lungo mandato al timone della nazione ha fornito una presenza forte e stabile sullo sfondo di controparti imprevedibili e irregolari.
Il 2021 segna l'anno in cui l'Europa e la Germania dovranno negoziare il vuoto significativo mentre la Merkel si prepara a dimettersi dalla carica di Cancelliere, sia la sua nazione d'origine che gli altri europei sperano che la leadership affidabile della Germania continui mentre il mondo lavora per un post-COVID recupero
".
La risposta della Merkel alla pandemia COVID-19 incarna la sua rinomata credibilità, con il pubblico specializzato intervistato che percepisce la Germania come la nazione che ha gestito meglio la pandemia e il pubblico in generale classifica la nazione al 5 ° posto.

Seguici: 

Scienziata di formazione, la risposta della Merkel è stata esclusivamente basata sui dati e il suo approccio metodico è stato visto come un relativo successo sulla scena globale, dimostrato dalla nazione che registrava casi costantemente inferiori per 100.000 rispetto alle sue controparti dell'Europa occidentale.

Le nazioni ben governate scalano le prime 20 posizioni

L'Europa e l'Asia comandano la maggior parte delle nazioni con le migliori prestazioni di quest'anno, occupando un totale del 75% dei primi 20 posti nel Global Soft Power Index 2021. Il Giappone è la nazione asiatica con le migliori prestazioni e la seconda in assoluto (60,6 su 100), salendo di due spot dell'anno scorso.
Il Giappone continua a raccogliere i frutti dei suoi brand forti, della solida spesa per i consumatori e degli alti livelli di investimenti aziendali, ancora una volta al primo posto nel pilastro Affari e commercio. Inoltre, il Giappone ha visto un miglioramento nel suo punteggio Education & Science, ora al primo posto anche in questo parametro.

Anche i paesi con un punteggio dell'Indice complessivo elevato, come il Canada (4° - 57,2 punti) e la Svizzera (5° - 56,3), hanno ottenuto punteggi nelle prime cinque nazioni in tre metriche chiave: reputazione, governance e la loro risposta COVID-19, suggerendo una correlazione tra le percezioni di quanto sia ben governato un paese e le valutazioni sulla sua gestione della pandemia.
Il rovescio della medaglia, classificandosi al 47° posto nell'Indice generale, è rappresentato dal Vietnam (33,8) una nazione che ha gestito oggettivamente il COVID-19 estremamente bene, ma non ne ottiene il merito dal grande pubblico di tutto il mondo, molto probabilmente a causa della cattiva governance percezioni (68°) e una familiarità relativamente bassa in tutto il mondo.
Il Vietnam è stato risparmiato un anno di blocchi e ospedali assediati e ha uno dei tassi di infezione e mortalità da COVID-19 più bassi al mondo.

Non solo la risposta alla pandemia è impressionante, dato il confine condiviso con la Cina, ma il Vietnam ha anche registrato uno dei tassi di crescita economica più alti a livello globale nel 2020, uno dei pochi Paesi con una crescita positiva nel 2020.

Le centrali elettriche soffrono a causa delle scarse risposte alla pandemia

Dopo un anno definito da blocchi nazionali, restrizioni ai viaggi e misure di allontanamento sociale, la percezione del soft power è stata significativamente influenzata dagli approcci delle nazioni verso la pandemia COVID-19. Coloro che hanno reagito prontamente ed efficacemente - implementando blocchi precoci e rigide restrizioni alle frontiere - hanno ottenuto buoni risultati anche in molti altri parametri, come l'Australia, che è l'unica nazione a entrare nella top 10 quest'anno.
Al contrario, 13 nazioni hanno osservato un calo complessivo dei punteggi del Global Soft Power Index poiché il controllo da parte dei media sulla loro gestione del virus ha causato tendenze negative nelle metriche di Influenza, Cultura e patrimonio e Persone e valori. Tra questi c'è il Regno Unito, in calo di 3,9 punti a un punteggio indice complessivo di 57,9 su 100, pur difendendo ancora il suo 3° posto. Ciò segue le ampie critiche nei confronti del governo di Boris Johnson per un approccio poco chiaro per frenare la diffusione del virus e la riluttanza a implementare un blocco, con conseguenti alti tassi di mortalità in tutto il Regno Unito. È probabile che le percezioni migliorino ulteriormente nel prossimo anno dopo l'accordo sulla Brexit del Regno Unito, così come il suo programma di vaccinazione, che attualmente supera le sue controparti europee.

Dall'altra parte della Manica, la Francia (55,4) ha registrato punteggi di deprezzamento in diversi parametri, in particolare in Cultura e patrimonio e Influenza, dove è scesa rispettivamente di 0,4 e 0,2 punti. Queste metriche sono state probabilmente influenzate dalla tregua nel settore dell'ospitalità e del turismo a seguito della pandemia COVID-19, con un minor numero di persone in grado di sperimentare la cultura, il patrimonio e le delizie culinarie francesi. D'altra parte, la nazione ha registrato solo un calo marginale di 0,1 punti nel pilastro Business & Trade, poiché la Francia è sempre più considerata come una delle prime nazioni europee per attrarre opportunità di investimento estero.
In Oriente, Cina (54,3) e Russia (50,5), hanno entrambe osservato un calo dei loro punteggi nei pilastri Reputazione e Relazioni internazionali, sebbene la Cina abbia mantenuto il suo posto nella top 10 mentre la Russia è scesa al 13° posto.

Nel Mediterraneo meridionale, sia l'Italia (48,3) sia la Spagna (47,5) hanno subito un calo significativo dell'Indice, con l'Italia che è scivolata giù di 8 posizioni fino alla 19ma e la Spagna che è scivolata fuori dai primi 20 - dal 16° al 22° posto. All'inizio della pandemia, entrambe le nazioni hanno fatto notizia in prima pagina in tutto il mondo a causa del pesante bilancio delle vittime causato dalla prima ondata, con il sistema sanitario italiano prossimo al collasso in alcune regioni. In Spagna, dove i tassi di mortalità per 100.000 erano tra i più alti al mondo, un consenso politico scadente su come gestire la pandemia è costato al governo tempo prezioso per frenare la diffusione del COVID-19.

La Nuova Zelanda è una storia di successo globale

La Nuova Zelanda è la nazione in più rapida crescita nell'Indice, rivendicando il 16° posto nella classifica con un punteggio globale del Global Soft Power Index di 49,3, sei posizioni in più rispetto al 2020. Con un punteggio di 5,9 su 10, la nazione è in testa a livello globale per la sua risposta COVID-19, che è stata lodata e invidiata in tutto il mondo. Un'azione rapida e decisiva per la chiusura delle frontiere e l'applicazione della quarantena obbligatoria hanno lasciato la nazione libera da COVID-19 per mesi, mentre altri hanno visto tassi di casi giornalieri in migliaia di unità.

Il governo ha avuto così tanto successo nel sopprimere la malattia che non è stato richiesto l'allontanamento sociale, con decine di migliaia di persone che hanno partecipato a un festival musicale a dicembre. La percezione della Nuova Zelanda è stata senza dubbio rafforzata dal momento che nazioni come il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno ceduto il loro solito posto di leader nella salute pubblica, con entrambe che combattono ondate ripetute del virus tra restrizioni allentate e dibattiti in corso sui blocchi.
Seconod Haigh, "la leadership del primo ministro Jacinda Ardern è stata ampiamente riconosciuta come sicura e decisa, acclamata da alcuni come la chiave del successo della nazione nella lotta alla pandemia, una visione che si riflette chiaramente nella sua posizione nella top 10 tra i leader rispettati del mondo. La sua leadership è forse al centro del crescente riconoscimento della Nuova Zelanda in Influenza, Relazioni Internazionali e Governance nel Global Soft Power Index 2021".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it