24/03/2021

economia

Previsto un boom di richiesta di semiconduttori

 

Giacomo Calef (Notz Stucki): rappresentano componenti essenziali per il funzionamento del comparto dell'elettronica e dell'Information Technology, oltre che dell'automotive

L'industria dei semiconduttori, nonostante la pandemia e le difficoltà riscontrate dalle supply chain, ha registrato una crescita delle vendite globali vicina al +7% nel 2020, con un tasso di incremento stimato per l'anno in corso che si aggira attorno al 9-10%. I semiconduttori, in particolare, vengono costruiti con materiali che presentano delle proprietà fisiche particolari, come il silicio ed il germanio, e rappresentano delle componenti essenziali per il funzionamento del comparto dell'elettronica e dell'Information Technology.

Previsto un boom di richiesta di semiconduttori

Ma quali sono driver che guideranno il tema nel prossimo futuro? Tra gli altri, abbiamo posto un focus importante sul processo di elettrificazione e di digitalizzazione del settore dell'automotive, che sta vivendo un periodo di profondo cambiamento a favore dei veicoli elettrici (EV, Electric Vehicle). Addirittura si pensi che l'industria in questo momento fatica a reperire i chip necessari per soddisfare l'esplosione del lato della domanda, che ha visto una ripartenza significativa in Cina ed è stata stimolata dalle risorse messe in campo dagli Stati per agevolare l'acquisto di veicoli a bassa emissione.
Infatti, si pensi che la produzione di un veicolo elettrico richiede in media circa il triplo dei semiconduttori necessari per un'auto a motore termico ed alcuni dei più grandi player del mercato stanno predisponendo le basi per espandere la propria attività produttiva.

Previsto un boom di richiesta di semiconduttori

Per esempio, la più grande "foundry" al mondo (termine che indica una fonderia che produce chip per conto terzi disegnati altrove), la Taiwan Semiconductor Manufacturing Company, quest'anno prevede di investire ben 28 miliardi di dollari per espandere la sua produzione, rispetto ai 17 miliardi impiegati nel 2020, e lo scorso maggio l'azienda ha annunciato di voler aprire una fabbrica produttiva in Arizona, negli Stati Uniti, beneficiando degli incentivi stanziati dall'amministrazione USA.
Tuttavia, lo sviluppo dell'industria dei chip non riguarda solo l'automotive, bensì l'intero settore dell'Information Technology. Per esempio, il potenziamento della rete 5G e la diffusione dell'Internet of Things (IoT) richiederanno in futuro un ammontare massiccio di semiconduttori, necessari per la produzione di sensori ed altri device digitali.

Seguici: 

Pertanto, a fronte delle evidenti opportunità di crescita, tra la domanda in eccesso ed un'offerta che nei prossimi mesi dovrà adeguarsi, abbiamo identificato il tema dei semiconduttori come un trend profittevole da inserirsi nel comparto tecnologico degli investimenti. Il segmento, dunque, si aggiunge all'insieme dei Quality Trends su cui noi puntiamo per poter valorizzare con successo una specifica parte del portafoglio da destinare stabilmente alle tendenze di lunga durata.
Giacomo Calef, Country manager di Notz Stucki



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it