24/03/2021

fare

Nel 2021 la liquidità guiderà le Fusioni e Acquisizioni

 

Attese operazioni nei settori fashion, retail non food, ristorazione e turismo. In Italia l'attività M&A nel Consumer Market segna un -25% a volumi, ma un aumento del +181% a valore

L'M&A è vista sempre più come una leva chiave di creazione di valore, soprattutto per i settori con modelli di business tradizionali che non hanno saputo rispondere prontamente ai mutati bisogni dei consumatori. Emanuela Pettenò, Partner PwC Italia e Consumer & Markets Deals Leader, spiega che "nel 2021, ci aspettiamo che gli alti livelli di liquidità continuino a spingere l'attività di M&A. In alcuni mercati, tra cui US, saranno le IPO (anche a mezzo SPAC) a guidare i processi di consolidamento della filiera. In Italia ci attendiamo un aumento delle ristrutturazioni finanziarie ed operative, in particolare nel retail tradizionale non food, nella ristorazione e nel turismo, che sono stati i più penalizzati a livello di M&A nel 2020".

Nel 2021 la liquidit guider le Fusioni e Acquisizioni

In ambito italiano il picco di operazione e deal value dell'ultimo trimestre 2020 è collegato all'acquisizione di Lottomatica Videolot Rete e Lottomatica Scommesse da parte di Gamenet per 1,2mld di dollari, dall'acquisizione di Stone Island da parte di Moncler per 1,5 mld e dall'acquisizione dei diritti della Seria A da parte di CVC, Advent e FSI per 2 mld (deal ad oggi non chiuso). Tra i comparti con il maggior calo di operazioni M&A rispetto al 2019: Fashion (-52%), E&L (-31%) e Specialty Retail -che include, tra gli altri, gioielleria, eyewear ed elettronica- (-25%).
Gli investitori strategici continuano a dominare in termini di numero operazioni (oltre il 70% delle operazioni annunciate a livello globale e circa 60% a livello nazionale), tuttavia con un calo rispetto al 2019 proporzionalmente superiore ai fondi di Private Equity (-15% rispetto a -6% a livello globale), che hanno potuto beneficiare di livelli molto elevati di liquidità.

Quali saranno i trend 2021?

I settori Food e Healthcare/Wellness hanno registrato una buona performance nella seconda metà del 2020 e hanno catalizzato un aumento di attività M&A che ci si attende continui anche nel 2021. In questo ambito risultano particolarmente favoriti i brand con una proposizione eco-friendly e sostenibile e, nel comparto alimentare, gli alimenti bio, vegani e le proteine vegetali. Il settore Pet Care ha visto un aumento di interesse negli ultimi mesi, con una crescita della spesa per animali domestici, in particolare nella fascia premium.

Nel 2021 la liquidit guider le Fusioni e Acquisizioni

L'aumento del tempo trascorso in casa ha incentivato gli acquisti di elettrodomestici (pulizia, cucina, home entertainment) a discapito della spesa per abbigliamento e cosmetici, favoriti anche da una più consolidata presenza sull'eCommerce. Ci attendiamo una buona ripresa anche dell'arredo. La pandemia ha alimentato una maggiore attenzione agli aspetti ambientali, sociali e di governance (ESG), che stanno diventando fattori determinanti delle decisioni di consumo, soprattutto delle fasce più giovani, e di investimento in ambito M&A.
Lo spostamento generale verso la vendita diretta al consumatore ha portato a un aumento delle partnership e delle forme di collaborazioni con piattaforme di commercio online/delivery. Alcuni settori collegati al delivery, alla comunicazione e alla tecnologia hanno avuto ed avranno un ulteriore impulso di crescita a servizio dei nuovi modelli di comportamento e di consumo.

Fashion: calano i volumi ma crescono i valori

Nel 2020 il comparto della moda ha registrato un calo del 17% del volume delle operazioni M&A a livello globale, bilanciato da un incremento del 19% in termini di valore rispetto al 2019, che riflette 3 operazioni italiane annunciate (e chiuse) dopo l'inizio della pandemia, Permira/Golden Goose, Moncler/Stone Island e l'acquisizione della maggioranza del brand australiano Zimmermann da parte di Style Capital SGR SpA.

Seguici: 

A livello italiano, queste tre operazioni hanno portato ad un aumento del +177% a valore (vs. 2019) a fronte di un calo del 51% del numero delle operazioni concluse. Le categorie maggiormente attrattive sono state Apparel (soprattutto casual), Footwear e Sportwear sia a livello globale che italiano.
Guardando alla tipologia di investitore, mentre a livello mondiale le operazioni guidate da investitori strategici continuano a rappresentare circa il 70% di quelle annunciate (in linea con il 2019), nel mercato italiano i fondi di Private Equity hanno un peso sempre maggiore, superando il 60% delle operazioni annunciate nel 2020, a conferma dell'interesse dei soggetti finanziari nel comparto italiano della moda, soprattutto a sostegno di operazioni di integrazione di filiera ma anche dello sviluppo dei brand italiani ed esteri.
Guardando ai trend per il 2021, secondo Roberta Benaglia, CEO di Style Capital SGR, management company di un fondo di Private Equity specializzato sul settore, "la pandemia ha portato ad un cambiamento nelle abitudini dei consumatori, accelerando i processi di digitalizzazione, innovazione, trasformazione dei canali tradizionali". In particolare:

- Il canale wholesale si è rifocalizzato sulla clientela domestica e su un mercato "di prossimità", dimostrandosi capace di fidelizzarla e interessarla con iniziative di direct marketing; inoltre ha utilizzato in modo più massivo e flessibile gli e-tailer;
- i monobrand, soprattutto quelli posizionati nei centri delle città Tier 1, hanno sofferto maggiormente la crisi e hanno tipicamente un modello di gestione meno flessibile, sia con riferimento al personale che agli affitti;
- l'eCommerce ha visto una crescita importante di volumi, ma non tutti i brand erano pronti a gestire in modo efficiente l'assortimento e le consegne, proponendo talvolta prezzi e promozioni disallineati rispetto agli store fisici; per rispondere alle carenze del canale, si sono moltiplicate le partnership tra brand/retailer e e-tailer specializzati. I nuovi stili di vita e le opportunità/necessità di lavoro agile stanno portando i brand a riconsiderare locations e format dei monobrand, preferendo quartieri/zone residenziali e di vacanza, dove le persone potranno soggiornare più a lungo, piuttosto che città Tier 1.

- Il commercio elettronico ha avuto una significativa accelerazione, ma con le riaperture il picco registrato nel 2020 tenderà a normalizzarsi. Diventerà pertanto cruciale per i brand lavorare sull'integrazione dei canali e per gli e-tailers aprire negozi fisici nelle città più importanti, soprattutto per la fascia più alta.
- Il mix di investimenti in comunicazione si è sbilanciato sull'online e sul direct marketing. Lo stile e le modalità di ingaggio del consumatore sui social sono cambiati e difficilmente ritorneranno ai livelli precedenti.
Pettenò, e Anna Nasole, Director Deals - Fashion PwC Italia concludono: "L'M&A nel comparto Fashion continuerà a rappresentare una leva chiave di creazione e protezione del valore, agevolando la trasformazione del modello di business delle aziende più tradizionali, soprattutto in ambito digital e con operazioni di filiera. I fondi di Private Equity possono essere un partner che, oltre alle risorse finanziarie per gestire il cambiamento, apporta anche competenze, relazioni ed esperienza internazionale. La struttura delle operazioni dovrà comunque garantire un giusto equilibrio tra attrattività per il venditore e protezione per l'acquirente, tramite earn-out/vendor loan, in modo da agevolare l'incontro tra domanda e offerta soprattutto in presenza di fatturati e EBITDA depressi e non rappresentativi del valore dei brand".



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it