Ottobre2012

economia

Il contesto azionario migliora grazie alle iniezioni di liquidità

 

Härter (Swisscanto): BCE, FED, Bank of Japan e Bank of England: tutte, a loro modo, immetteranno ulteriore denaro nel sistema, al fine di stabilizzare la situazione

Nei mercati l\'impatto negativo di un\'economia mondiale in continuo indebolimento si contrappone alla disponibilità delle banche centrali a fornire un\'elevata liquidità. A nostro avviso, la politica del denaro a buon mercato influenzerà maggiormente il sentiment degli investitori nel medio termine.
Le decisioni e le dichiarazioni cruciali dello scorso mese, dal punto di vista degli investitori sono state del tutto positive. In particolare la determinazione della Banca centrale europea, BCE, nel mettere a disposizione liquidità praticamente illimitata per salvare l\'Euro è stata molto ben accolta dai mercati. Tuttavia, per quanto riguarda l\'effettiva situazione economica, dominano segnali negativi. Secondo i principali indicatori macroeconomici, l\'Europa si troverebbe in fase recessiva e sembra che i Paesi periferici più indebitati non riescano a raggiungere i propri obiettivi di riduzione del deficit. Negli importanti Paesi europei di Spagna e Italia i governi stanno affrontando il difficile compito di attuare le necessarie riforme strutturali, incontrando però la resistenza di parte della popolazione. La pressione delle proteste di strada potrebbe portare a riforme affrontate senza troppa convinzione.

Il contesto azionario migliora grazie alle iniezioni di liquidit

Per gli operatori le notizie per lo più negative previste per il prossimo futuro, provenienti dal fronte economico e politico, sono "in competizione" con le iniezioni di liquidità annunciate dalle banche centrali. BCE, FED, Bank of Japan e Bank of England: tutte, a loro modo, immetteranno ulteriore denaro nel sistema, al fine di stabilizzare la situazione. Nel medio termine lo stanziamento pressoché illimitato di liquidità dovrebbe influire sul sentiment degli investitori in modo più deciso rispetto al forte indebolimento dell\'economia. In questo contesto, per Swisscanto è di nuovo pensabile una propensione al rischio complessivamente più elevata. Un aumento dei corsi delle azioni guidato dalla liquidità è, a nostro avviso, ancora possibile se la situazione economica dovesse continuare a peggiorare.
Le borse europee sono estremamente sottovalutate
Data la bassa valutazione dei mercati azionari, la quota azionaria è aumentata, in particolare con maggiori investimenti nei titoli europei. Secondo il nostro modello valutativo conservativo, le azioni europee (Svizzera e Gran Bretagna escluse), presentano una sottovalutazione superiore al 60%. Vengono inoltre leggermente incrementate le azioni asiatiche (Giappone escluso). Nell\'ambito della quota azionaria manteniamo ancora un sovrappeso nei comparti dei generi alimentari, delle bevande e dei tabacchi, della sanità, del software, dell’energia, del farmaceutico e dei media. Manteniamo un atteggiamento prudente nei confronti dei settori dei servizi assicurativi, delle telecomunicazioni, del real estate e delle utilities. Orientamento più conservativo per le obbligazioni societarie

Seguici: 

Per quanto riguarda le obbligazioni, ci manteniamo prudenti nei confronti dei titoli dei Paesi periferici. Mentre non manteniamo nessun titolo di Stato spagnolo, la nostra quota di titoli italiani è nettamente inferiore a quella del benchmark. Tolleriamo rischi leggermente inferiori anche nei nostri portafogli con obbligazioni societarie. Anche se continuiamo a preferirle rispetto ai titoli di Stato, abbiamo aumentato i requisiti riguardanti la qualità dell\'emittente.
Investimenti in valuta
La nostra strategia valutaria rimane pressoché invariata rispetto al mese precedente. Manteniamo il sovrappeso del dollaro USA e della corona norvegese rispetto al franco svizzero. Incrementiamo una nuova posizione long sul dollaro USA rispetto all\'euro, per proteggerci da ulteriori turbolenze nella zona euro.
Thomas Härter, Responsabile strategie di investimento Swisscanto



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it