_Febbraio2013

economia

Prende il via la grande rotazione da obbligazioni in azioni

 

Hartnett (BofA Merril Lynch): La metà degli investitori della survey afferma che venderebbe titoli di Stato per acquistare titoli a più alto beta

Gli investitori globali sono entrati nel 2013 di umore allegro, ma non ancora esuberante: questo emerge dalla BofA Merrill Lynch Fund Manager Survey di gennaio. Il nuovo anno vede gli asset allocator indirizzare più fondi per l’azionario da febbraio 2011, mentre la loro fiducia nelle prospettive economiche del mondo, ha raggiunto il suo livello più positivo dal mese di aprile 2010.
La propensione al rischio degli investitori nei loro portafogli è ora al massimo da nove anni, mentre un crescente numero di intervistati ritiene che le azioni siano sottovalutate, in particolare in Europa. Inoltre, gli investitori hanno ridotto le consistenze di cassa al 3,8% dal 4,2% nel mese di dicembre. Questo segna la lettura più positiva di questa misura della volontà di detenere attività di investimento più rischiose dal mese di aprile 2011, anche se non ha raggiunto livelli che rappresentino un segnale di vendita controcorrente.

Prende il via la grande rotazione da obbligazioni in azioni

La percezione degli intervistati della crisi fiscale USA come il più grande "rischio di coda" per i mercati degli asset si è calmata (in calo di quasi 20 punti percentuali in due mesi), anche se rimane la loro più grande preoccupazione. La posizione sulla Cina rimane molto positiva, con un 63% che pensa a un\'economia più forte per quest\'anno, ma uno su sette vede un “atterraggio duro” cinese come il loro rischio numero uno.
La tendenza al rialzo degli investitori riflette una crescente fiducia nella ripresa economica. Un 59% ora si aspetta che l\'economia globale si rafforzi questo anno, a fronte di un 40% di un mese fa. Questo segna una visione più positiva, che non si riscontrava dal panel del mese di aprile 2010. Una quota crescente degli intervistati si aspetta di anche una crescita dell’inflazione.
"In seguito alla risoluzione del fiscal cliff degli Stati Uniti, il sentiment è lievitato. La metà degli investitori ora ci dice che venderebbe titoli di Stato per acquistare titoli a più alto beta, il che è in linea con la crescita e l\'aumento delle aspettative di inflazione, e con la nostra richiesta di una “grande rotazione” da avviare nel 2013", ha dichiarato Michael Hartnett, capo investment strategist Research di BofA Merrill Lynch Global. "Mentre l\'indagine rivela aree di esuberanza, valutazioni poco esigente in Europa dovrebbero sostenere le azioni, a meno che la crescita degli utili non si materializzi", ha aggiunto John Bilton, European investment strategist.

Seguici: 

La "grande rotazione" guadagna trazione
Il 49% degli intervistati si aspetta che i titoli di Stato siano venduti per finanziare l\'acquisto di titoli azionari con più alto beta e sostenere il "risk on" rally. Il mese scorso, per contro, solo il 37% ha visto lo strumento come la più probabile fonte di guadagno, mentre il 28% prevedeva che la riduzione delle disponibilità liquide (ora 22%) e il 19% prevedeva le azioni come difensive (ora il 15%).
In questo contesto, la percezione dell’Italia come un sostanziale "rischio di coda" per l\'Europa è fortemente diminuita. Solo il 17% del panel vede oggi il Paese come la più grande minaccia per l’Europa, rispetto al 26% nel mese di dicembre. Però, le valutazioni delle minacce provenienti da Francia e Spagna sono peggiorate rispetto al mese scorso, fino al 34% e il 29%, rispettivamente.

Rotazione settoriale ai finanziari
Il panel ha spostato fortemente la sua posizione su titoli finanziari, passando in sovrappeso sui nomi bancari globali per la prima volta dal febbraio 2007, crescendo del 15% rispetto al mese scorso. Tuttavia, le banche sono ancora percepite come il settore più sottovalutato del mercato azionario globale. Il sovrappeso esistente in materia di assicurazioni è stato esteso, in particolare in Europa, e si trova ora il suo livello più alto dal gennaio 2007.
Al contrario, l\'appetito per le azioni del comparto TLC si è ridotto a un 25% sottopeso. Questo segna il più basso peso del settore da parte degli asset allocator dal dicembre 2005. Mentre sono ancora in territorio positivo, i prodotti farmaceutici sono diminuiti a un 11% in sovrappeso. La loro discesa dal 24% del mese scorso è il più grande movimento settoriale di gennaio.

La percezione che le aziende consumer sono tra le più sopravvalutate ha anche accelerato mese su mese.
Giappone gode di un dolce sentiment
Le politiche del nuovo governo giapponese continuano a migliorare le prospettive del Paese. Il suo indicatore di crescita composito è attualmente pari a un impressionante 96. In questo contesto, i global fund manager sono positivi. Un 3% sono ora in sovrappeso nei titoli azionari giapponesi, una brusca inversione del mese scorso, con sottopeso del 20%. La percentuale di investitori che vedono il Giappone come il mercato più sottovalutato, è aumentata questo mese, mentre un numero sempre maggiore lo vedono come molto favorevole per i profitti aziendali.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it