_Febbraio2014

fare

Il lavoro si cerca (e si trova) per competenze

 

Catania (MyJobPage): una start up che valorizza il “saper fare”, arricchendo efficacemente il curriculum

Il lavoro è una delle principali preoccupazioni degli italiani e gli strumenti digitali non sembrano fornire risposte sufficentemente significative. L’utilizzo di Social Network come LinkedIn o servizi per il recruiting soddisfano solo una minima parte della domanda perché o troppo concentrati sulle professionalità, o troppo intenti a fornire profili precisi.

“Il mercato del lavoro ha sempre funzionato per competenze - ha dichiarato Giampaolo Catania, fondatore di MyJobPage.net -  e non si capisce perché non dovrebbe essere così ancora oggi. Le persone lavorano, hanno accumulato esperienze, ma hanno anche delle passioni che possono essere collaterali al lavoro e che potrebbero essere importanti. Da qui l’idea: raccontare le esperienze per conoscere (e far conoscere) meglio le persone e creare anche dei momenti di incontro”.

L’idea è tutt’altro che bizzarra e parte da un’attenta analisi del mercato.

“Siamo partiti dal concetto del saper fare - prosegue Catania - perché è una grandissima opportunità per tutti. Se guardiamo i modelli come LinkedIn, leader di mercato, ci accorgiamo che sono vecchi perchè tutto il mercato del lavoro è ancorato a logiche obsolete. Bisogna ragionare in termini di competenza, come in passato, ma andando a interessare altre sfere. Non bastano più il titolo di studio e le esperienze precedenti per descrivere un candidato che risponde a una certa job description per un posto di lavoro, bisogna capire il capitale esperienziale del candidato, che cosa ha imparato a fare nel tempo libero e via di seguito. Non è un processo semplice, stiamo lavorando al modello, perché fino ad oggi non si è tenuto conto della complessità delle cose, ma solo della semplificazione (studio, posizioni passate). Il lavoro dei cacciatori di teste, di fatto, va in questa direzione, cioè valutare le persone per le competenze anche extra lavorative e conoscere le caratteristiche delle persone per capire se sono adatte per un certo tipo di lavoro oppure no”.

MyJobPage si prefigge anche l’obbiettivo certamente ambizioso di creare eventi di networking.

“Certamente il potersi incontrare di persona è un aspetto importante per chi cerca e chi offre lavoro, ma per una questione di ottimizzazione dei tempi è qualcosa di complicato da realizzare", ha proseguito Catania. "Noi creeremo, ma lo stiamo già facendo, dei momenti di incontro sul territorio nazionale, per fare conoscere le competenze delle persone e farle incontrare con dei potenziali aziende alla ricerca di lavoratori. Un esempio è MyJobShow, che non è altro che un percorso che mira a creare momenti d’incontro informali tra aziende e candidati, dove questi ultimi possano mostrare ai potenziali clienti le proprie capacità. Faccio un esempio: in una serata ci sarà l’incontro tra il mondo della cucina e un aspirante cuoco, che cucinerà di fronte ad addetti ai lavori, giornalisti, blogger e aziende potenziali. Nella vita che potremmo definire precedente, questa persona era un informatico, ora disoccupato e che si sta creando altre opportunità. Pagine di curriculum arricchite da informazioni sulla persona sono, semplificando molto, il nostro punto di accesso alle informazioni perché la nostra è una start up che lavora con la tecnologia. Molte informazioni ovviamente sono già presenti nella vita digitale dei candidati, come i curriculum su LinkedIn, ma vengono integrati con le informazioni tratte dagli altri social network al fine di avere un aspetto più completo del candidato”.

MyJobPage, quindi, propone una visione differente di un candidato e si potrebbe pensare che possa farlo per semplificate i processi di prima scrematura dei candidati. “Questo è un elemento importante", conclude Catania. "In Italia mancano competenze in diversi settori e i candidati faticano a proporsi. E’ utile a tutti offrire un supporto reale a questo mercato del lavoro sempre più complicato, ma che possa davvero valorizzare le competenze reali delle persone, le attitudini, le aspirazioni. La nostra start up non ha un compito semplice, c’è molto lavoro in termini di sviluppo di idee e soluzioni software, ma vuole cercare di fornire delle risposte concrete a un bisogno, quello di trovare lavoro e lavoratori, che non pu? più attendere”.


Il lavoro si cerca (e si trova) per competenze

Il lavoro si cerca (e si trova) per competenze

Seguici: 


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it