29/07/2015

fare

Vanno forte le 4A del Made In Italy

 

Osservatorio Gea–-Fondazione Edison: nel 2014 nuovo record di 128 miliardi di euro per il surplus commerciale con l'estero. Le eccellenze nei settori Alimentari-vini, Abbigliamento-moda, Arredo-casa, Automazione-meccanica-gomma-plastica

Tra il 2010 e il 2014 l'export italiano - esclusi i servizi - è cresciuto di 61 miliardi, toccando i 398 miliardi di euro. Nello stesso periodo, la bilancia commerciale complessiva è migliorata di quasi 73 miliardi passando da un saldo negativo di 30 miliardi a un saldo positivo di 42,9 miliardi, mentre per i manufatti la bilancia commerciale italiana ha registrato una crescita di 62 miliardi passando da 38 a 99 miliardi di euro di attivo con l'estero.

Vanno forte le 4A del Made In Italy

Queste sono alcune delle evidenze presentate nell'incontro di Milano "L'export italiano: trend e testimonianze delle eccellenze d'impresa all'estero". L'evento è stato promosso dall'Osservatorio GEA-Fondazione Edison, uno strumento di analisi innovativo delle dinamiche e delle prospettive dell'export italiano, voluto da GEA Consulenti di Direzione (società di consulenza strategica che da cinquant'anni accompagna le imprese italiane nella loro crescita e nell'evoluzione manageriale) e Fondazione Edison.
Dall'Osservatorio di quest'anno emerge che l'Italia è uno fra i 5 Paesi al mondo (insieme a Cina, Germania, Giappone e Corea del Sud) ad avere un surplus commerciale per i manufatti industriali superiore ai 100 miliardi di dollari (131 miliardi di dollari nel 2013, fonte WTO) ed è il secondo Paese del mondo occidentale dopo la Germania per surplus commerciale con l'estero nei manufatti (fonte Eurostat).

Seguici: 

Eccellenze di nicchia, ma non solo
"I dati elaborati dall'Osservatorio GEA-Fondazione Edison evidenziano che nel 2013 su circa 5.000 prodotti in cui è suddiviso il commercio mondiale, l'Italia presenta 928 prodotti in cui è prima, seconda o terza al mondo per miglior bilancia commerciale con l'estero, per un valore complessivo di 195 miliardi di dollari di surplus commerciale con l'estero" ha affermato Marco Fortis, Vicepresidente della Fondazione Edison. "Si tratta di eccellenze di nicchia che però complessivamente valgono 195 miliardi di dollari di surplus commerciale con l'estero".
Nel 2014 il surplus commerciale con l'estero delle "4A" del Made in Italy (Alimentari-vini; Abbigliamento-moda; Arredo-casa; Automazione-meccanica-gomma-plastica) conferma un andamento positivo toccando un nuovo record di 128 miliardi di euro.

Da questa nuova edizione dell'Osservatorio GEA-Fondazione Edison risulta che l'Italian food ha rappresentato nel 2014 un importante driver di crescita dell'export. Su una base di riferimento di 616 prodotti, l'Italia presenta 63 prodotti in cui è prima, seconda o terza al mondo per migliore bilancia commerciale con l'estero, generando una bilancia totale attiva di 21,5 miliardi di dollari.
Crescono gli USA
Dall'analisi dei dati emerge, inoltre, che gli Stati Uniti sono in assoluto il terzo mercato di esportazione dell'Italia, dopo la Germania e la Francia, con un export complessivo italiano verso gli USA di 29,8 miliardi di euro ed un surplus di 17,3 miliardi, il più alto che l'Italia ha avuto nel 2014 negli scambi bilaterali.
Il mercato americano, in particolare, è sempre più focalizzato sul settore agro-alimentare e presenta il maggiore potenziale di crescita; basti considerare che nel 2014 il 10% circa dell'export italiano è stato proprio verso il mercato statunitense. I primi 10 casi provinciali-settoriali per più elevato export agro-alimentare verso gli USA nel 2014 sono: Firenze, Lucca, Grosseto, Milano e Perugia per gli olii e i grassi vegetali e animali; Modena per gli altri prodotti alimentari; Napoli per i prodotti da forno e farinacei; Salerno per la frutta e gli ortaggi lavorati e conservati; Sassari e Parma per i prodotti delle industrie lattiero casearie. I primi 10 casi provinciali-settoriali per export di vini e bevande verso gli USA nel 2014 sono: Trento, Milano, Cuneo, Firenze, Verona, Siena, Venezia, Treviso, Asti e Brescia.

Nel 2013, su una base di riferimento di 616 prodotti agro-alimentari scambiati a livello mondiale, l'Italia ha presentato 61 prodotti in cui è risultata prima, seconda o terza al mondo per migliore bilancia commerciale con gli USA, per un controvalore di surplus commerciale bilaterale generato di 3,3 miliardi di dollari.
L'Italian food ingolosisce il web
La relazione sempre più forte tra il mercato USA e l'Italian food è confermata da una ricerca di GEA Digital, presentata da Carlo Marinoni, Amministratore Delegato di GEA. Dallo studio, che si è focalizzato sul sentiment verso il food e l'Italian food in particolare, espresso dai consumatori nel mondo e negli Usa attraverso il traffico nel web, è emerso che il numero delle ricerche relative al food da parte degli utenti statunitensi è tre volte superiore al resto del mondo e che l'Italian food supera nelle ricerche online topic quali l'arte e la musica italiana.

Partendo dalla constatazione delle enormi potenzialità dell'Italian food negli Usa, Luigi Consiglio, Presidente di GEA, ha aggiunto: "I dati e le tendenze dimostrano che l'interesse per l'Italian food nel mondo è molto forte, in particolare negli Stati Uniti, un mercato estremamente vivace dove la domanda esprime l'attesa di un food più salutare. Oggi chi ritiene che il mercato USA sia maturo si sbaglia. Le opportunità per il Made in Italy ci sono e c'è un grande spazio per tutte le aziende dell'agro-alimentare che desiderano esportare ed investire negli USA. La battaglia politica che abbiamo vissuto finora non ha permesso di vedere le meraviglie del nostro sistema industriale. Per questo motivo Gea ha voluto ribaltare i luoghi comuni sull'industria italiana attraverso la creazione di un punto di osservazione annuale sull'eccellenze imprenditoriali italiane".

 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it