27/01/2016

economia

FMI: allarme crescita globale con rischi per i mercati emergenti

 

Riviste al ribasso le previsioni: +3,4% nel 2016 e +3,6% nel 2017. I rischi principali riguardano il rallentamento in Cina, il dollaro più forte, le tensioni geopolitiche. Tiene, nonostante tutto, l'Italia (+1,3%)

Secondo l'ultimo World Economic Outlook (WEO) del Fondo Monetario Internazionale (FMI), il trend della crescita globale è debole e irregolare in tutte le economie, con i rischi ora indirizzati verso i mercati emergenti. Le economie avanzate vedranno una modesta ripresa nel 2016, mentre i mercati emergenti e in via di sviluppo dovranno affrontare la nuova realtà di una crescita più lenta.

FMI: allarme crescita globale con rischi per i mercati emergenti

Il WEO Update prevede una crescita globale al 3,4% quest'anno e del 3,6% nel 2017 a livello globale, leggermente inferiore alle previsioni emesse a ottobre 2015.
"Quello davanti a noi sarà un anno di grandi sfide e i politici dovrebbe pensare ad una resilienza a breve termine e alle modalità in cui possono rafforzarsi, ma anche alle prospettive di una crescita a più lungo termine", ha dichiarato Maurice Obstfeld, Economic Counsellor and Director of Research dell'FMI. "Tali azioni potrebbero effettivamente avere effetti positivi nel breve periodo per aumentare la fiducia dei cittadini nel futuro".
Miglioramenti marginali nelle economie avanzate
La crescita nelle economie avanzate si prevede al 2,1% per quest'anno e costante nel 2017, una previsione leggermente più debole rispetto a quella prevista nel mese di ottobre. L'attività complessiva rimane robusta negli Stati Uniti, sostenuta da condizioni finanziarie ancora accomodanti e dal rafforzamento dei mercati immobiliari e del lavoro. Ma ci sono anche le sfide derivanti dalla forza del dollaro, che sta causando problemi al settore manifatturiero degli Stati Uniti. Per gli USA è previsto un +2,6% in entrambi gli anni, con un taglio dello 0,2%. Confermate le stime sulla Cina con un aumento del prodotto interno lordo pari al 6,3% nel 2016 e al 6% nel 2017. Mentre per l'Eurozona la crescita è fissata all'1,7%, con uno 0,1% in più per il 2016 e un dato invariato per il 2017. Il suggerimento dell'Istituzione di Washington all'Europa è di integrare i migranti nella forza lavoro per abbassare il livello di emergenza sociale e trarne benefici economici in futuro.

FMI: allarme crescita globale con rischi per i mercati emergenti

Nell'area dell'euro, forti consumi privati sostenuti da una riduzione dei prezzi del petrolio e condizioni finanziarie accomodanti, compensano un indebolimento delle esportazioni nette.
La crescita in Giappone è prevista anche per il 2016, sulla base del sostegno fiscale, prezzi del petrolio più bassi, condizioni finanziarie accomodanti, e l'aumento dei redditi.
Il Fondo Monetario Internazionale conferma la velocità di accelerazione della ripresa economica italiana, che quest'anno crescerà dell'1,3% rispetto al +0,8% registrato nel 2015 per poi attestarsi a +1,2% nel 2017. Il dato per l'anno prossimo è leggermente inferiore all'1,6% fissato dal governo.
I mercati emergenti affrontano un rallentamento della crescita
I Paesi emergenti e in via di sviluppo stanno ora affrontando una nuova realtà di minore crescita, con le forze cicliche e strutturali che stanno minando il paradigma della crescita tradizionale, come il rappresentante dell'FMI Christine Lagarde ha sottolineato in un recente discorso.

Seguici: 

Le previsioni di crescita per la maggior parte delle economie di mercato emergenti e in via di sviluppo rivelano una ripresa più lenta di quanto precedentemente previsto. La crescita prevede un aumento dal 4% nel 2015, il tasso più basso dalla crisi finanziaria del 2008-09 al 4,3% e 4,7% nel 2016 e 2017, rispettivamente.
Ma questi numeri complessivi non riescono a fare piena giustizia alla diversità delle situazioni nei vari Paesi.
India e alcuni Paesi emergenti dell'Asia sono punti luminosi, destinati a crescere a un ritmo sostenuto; mentre l'America Latina e i Caraibi saranno di nuovo in contrazione nel 2016, riflettendo la recessione in Brasile e lo stress economico altrove nella regione, anche se la maggior parte degli altri Paesi nella regione continuerà a crescere.
L'area Emerging Europe è destinata a crescere ad un ritmo costante, anche se con qualche rallentamento nel 2016, visto che la Russia potrebbe rimanere in recessione quest'anno. La maggior parte dei Paesi dell'Africa sub-sahariana vedrà una graduale ripresa della crescita, ma solo con tassi che rimangono inferiori a quelli raggiunti durante lo scorso decennio.

Rischi di ribassi
Guardando al di là delle previsioni a breve termine, ci sono rischi importanti per le prospettive, che sono particolarmente importanti per i mercati emergenti e in via di sviluppo e potrebbero mettere in stallo la ripresa globale.
Tali rischi riguardano soprattutto gli aggiustamenti in atto dell'economia globale, in particolare il ribilanciamento della Cina, i prezzi delle materie prime più bassi, e le prospettive per il progressivo aumento dei tassi d'interesse negli Stati Uniti.
Tra i rischi l'FMI vede le seguenti possibilità:
a) Un rallentamento più marcato del previsto in Cina, che potrebbe portare a ricadute internazionali attraverso il commercio, prezzi delle materie prime, e fiducia in calo.
b) Un ulteriore apprezzamento del dollaro e più severe condizioni di finanziamento globale, che potrebbero sollevare le vulnerabilità nei mercati emergenti, creando possiibili effetti negativi sui bilanci aziendali e aumentando le sfide di finanziamento per quelle con elevate esposizioni in dollari.

c) Un improvviso attacco di avversione al rischio globale, indipendentemente dalla motivazione, potrebbe portare ad ulteriori svalutazioni e possibili tensioni finanziarie nelle economie vulnerabili dei mercati emergenti.
d) Una escalation delle tensioni geopolitiche in corso in una serie di regioni, che potrebbero influenzare la fiducia e perturbare il commercio mondiale, i flussi finanziari, e il turismo. Nuovi shock economici o politici nei Paesi attualmente in difficoltà economica, potrebbero anche far deragliare la ripresa dell'attività prevista.
"Tutto sommato, c'è molta incertezza, e credo che questo contribuisca alla volatilità", ha commentato Obstfeld. "Potremmo vedere un percorso accidentato quest'anno, in particolare nel mondo in via di sviluppo e Paesi emergenti".
Aumentare la crescita è ancora una priorità

In questo contesto globale, con il rischio di bassa crescita persistente per lungo tempo, il WEO sottolinea l'urgente necessità per i responsabili politici di aumentare la crescita reale e potenziale attraverso un mix di sostegno della domanda e delle riforme strutturali.
Le riforme strutturali, in particolare, restano critiche. Le priorità variano, ma molte economie avanzate potrebbero trarre vantaggio dalle riforme per rafforzare la partecipazione della forza lavoro (Giappone, eurozona) e livelli occupazionali complessivi (dato l'invecchiamento della popolazione), nonché misure per affrontare eccessi di debito privato.
I politici nei mercati emergenti e in via di sviluppo hanno bisogno di riorientare l'attività verso nuove fonti di crescita. L'aumento dell crescita sarà necessario anche a garantire la continuità della convergenza verso livelli di reddito delle economie avanzate.

Queste economie devono anche a loro volta a portare avanti le riforme strutturali per eliminare gli ostacoli infrastrutturali, favorire un ambiente di business e di innovazione dinamico, e rafforzare il capitale umano attraverso riforme dell'istruzione, del lavoro, e mercati dei prodotti.
 

Maurice Obstfeld, IMF Economic Counselor and Director of Research Department presenta i punti salienti del WEO:  
http://www.imf.org/external/mmedia/view.aspx?vid=4707102947001

 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it