10/02/2016

economia

E' tempo di concentrarsi sull'income corretto per il rischio

 

Murphy (Loomis, Sayles & Co.): gestire i portafogli in un contesto di volatilità di mercato sarà più difficile nel 2016. Un approccio ciclico accompagnato da un'attenzione per le opportunità tattiche nell'individuazione di reddito ponderato per il rischio possono contribuire ad ottimizzare i rendimenti

La Fed ha attuato una politica di tassi zero per 7 anni, fino a dicembre 2015 quando è stato votato il primo aumento dei tassi d'interesse. Il graduale inasprimento della politica monetaria avviene in un momento in cui la crescita globale è ancora incerta e l'inflazione piuttosto bassa, con i mercati delle materie prime sotto notevole pressione.

E' tempo di concentrarsi sull'income corretto per il rischio

Sebbene la Fed abbia iniziato ad aumentare i tassi, si prevede che la strada verso la normalizzazione sarà lunga. A meno che la crescita e l'inflazione non aumentino in modo significativo, non prevediamo che i tassi statunitensi aumenteranno notevolmente quest'anno. A fronte della stretta sulle condizioni finanziarie, ci aspettiamo che permanga la volatilità sui mercati. In tale contesto, riteniamo che gli investitori dovrebbero concentrarsi sull'income corretto per il rischio. La consapevolezza sia del livello di rischio sia del rendimento può contribuire ad ottenere un rendimento di portafoglio più coerente ed un rendimento complessivo ottimale.
Ottenere income sui mercati azionari U.S.
Le azioni che pagano dividendi sono spesso considerate la fonte più tradizionale di reddito in un portafoglio. Riteniamo che i dividendi statunitensi costituiranno complessivamente una fonte centrale di reddito nel 2016, poichè gli Stati Uniti rimarranno nella tarda fase espansiva del ciclo economico. Si tratta di imprese con multipli interessanti, che hanno distribuito dividendi in passato e i cui dividendi cresceranno in futuro. Settori quali quello finanziario, tecnologico e delle telecomunicazioni offrono interessanti profili di crescita dei dividendi e tendono a sovraperformare in ambienti di tassi in rialzo.

Seguici: 

Inoltre, se inizieremo a vedere una ripresa nel settore delle commodity, il settore energetico e quello dei materiali potrebbero presentare opportunità in ottica "value".
L'Europa sta attraversando una fase di recupero del ciclo economico. La storia ci insegna che, in tale contesto, le azioni forniscono un rendimento complessivo interessante. Con il proseguimento del programma di quantitative easing da parte della BCE, e man mano che avremo maggior chiarezza sugli utili aziendali in tale area, riteniamo che i titoli azionari che pagano dividendi in Europa costituiranno un'asset class da prendere in considerazione nel 2016.
I settori più interessanti sono quelli meno sensibili ai tassi
I titoli obbligazionari rappresentano un'altra fonte di reddito in portafoglio. Tuttavia, alla luce di tassi bassi e in possibile aumento, è difficile individuare performance corrette per il rischio interessanti. Tendiamo a privilegiare i settori obbligazionari meno esposti al rischio tasso, in particolare le obbligazioni high yield e i prestiti bancari.

Soluzioni alternative per individuare reddito
Vale la pena considerare anche fonti di reddito alternative. I Real Estate Investment Trust (REIT) possono continuare a fornire guadagni ponderati per il rischio interessanti e possono costituire un elemento di diversificazione particolarmente utile in un portafoglio multi-asset. Tuttavia, tale asset class potrebbe trovarsi sotto pressione nel caso di un rapido aumento dei tassi. Sebbene i MLP (Master Limited Partnership) offrano rendimenti relativamente elevati, presentano potenzialmente una maggiore volatilità al ribasso a causa della continua debolezza sui mercati del petrolio. La stabilità del comparto energetico e una maggior chiarezza sui flussi finanziari degli MLP potrebbero rappresentare un'opportunità interessante per il futuro, sebbene riteniamo sia troppo presto per ottenere rendimenti in tale settore.

Gestire i portafogli in un contesto di volatilità di mercato sarà più difficile nel 2016. Ritengo che un approccio ciclico accompagnato da un'attenzione per le opportunità tattiche nell'individuazione di reddito ponderato per il rischio possano contribuire ad ottimizzare i rendimenti.
Maura Murphy, CFA, Portfolio Manager presso Loomis, Sayles & Company



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it