10/02/2016

fare

Le sei tendenze della Business Intelligence che caratterizzeranno il 2016

 

Richardson (Qlik): le aziende punteranno ancora di più sull’analisi predittiva, ma la scarsa qualità dei dati disponibili che ha fatto nascere la necessità di una governance per un controllo più centralizzato e gestito delle informazioni

Nell’ambito della Business Intelligence (BI), il cambiamento rappresenta l’unica certezza alla quale ci si può appellare. Con questa premessa, Qlik, leader nella Visual Analytics, effettua un’analisi dei trend che caratterizzeranno la BI per tutto il 2016.
Come ogni anno, James Richardson, esperto nella strategia delle analisi per il business, ex-analista di Gartner e uno dei leader di pensiero di Qlik, condivide le sue previsioni per il settore.

Le sei tendenze della Business Intelligence che caratterizzeranno il 2016

“Secondo Gartner, anche nel 2015, BI e analytics hanno rappresentato la priorità di investimento per i CIO. Per la maggior parte delle aziende quindi, un utilizzo più ampio dell’analisi predittiva è rimasto un obiettivo al quale puntare”, ha dichiarato Richardson. “Un'altra costante che caratterizza questo segmento è rappresentata dalla scarsa qualità dei dati disponibili che ha fatto nascere la necessità di una governance in grado di avere un controllo più centralizzato e gestito”.
Di seguito, i sei trend che caratterizzeranno il settore della Business Intelligence durante il 2016:
1. I consumatori di dati diventeranno a tutti gli effetti degli attivisti dell’informazione
Gli utenti stanno passando dal ruolo di semplici consumatori di informazioni a quello di fornitori e profilatori di dati. Questa proattività si traduce nell’interesse di analizzare i dati non sono appartenenti alla vita lavorativa ma anche quelli inerenti alla vita privata. Di conseguenza, la visualizzazione dei dati sta diventando una forma di auto-espressione. Con la creazione di applicazioni sempre più visive, gli utenti esprimono le proprie opinioni e scoprono se stessi attraverso un volume di dati sempre crescente.

Seguici: 

2. La governance della Data Discovery diventa essenziale
Nonostante la BI self-service sia molto diffusa, non significa che debba regnare una totale anarchia. Con una mole sempre crescente di dati a disposizione, gli utenti desiderano acquisire maggiore autosufficienza nell’analisi, ma questo implica che debbano comunque lavorare in uno spazio dati gestito. In quest’ottica, la Data Discovery gestita sta diventando una priorità essenziale per le aziende, dando la possibilità agli utenti di concentrarsi solamente sull’ottenere il massimo dalle proprie analisi. Saranno così in grado di domandarsi più volte “perché?”, invece che perdere tempo sulla correttezza dei dati.
3. La svolta pragmatica dei Big Data
Nel corso del 2016 i Big Data smetteranno di essere una novità. Questo sarà possibile grazie all’incremento delle aziende che inizieranno ad applicare alcune delle pratiche consolidate per l’analisi dei dati alle sorgenti dati precedentemente escluse dall’area della BI. Invece di considerare inutili e sconosciute le nuove fonti, l’utilizzo dei dati si sta trasformando in un panorama sempre più ricco e complesso generato da varie sorgenti. In ultima analisi, il valore decisionale più alto si trova nel punto di unione tra dati di BI tradizionali - come ad esempio le transazioni finanziarie - e i big data.

4. I dati ottenuti da fonti esterne offrono un contesto migliore
Consentire agli utenti di vedere l’ampia gamma di fattori che contribuiscono al proprio business sta diventando più importante che mai. Con la possibilità di unire sorgenti dati interne ed esterne, gli utenti possono ora accedere a dati contestualizzati, garantendo decisioni migliori e un numero di intuizioni più elevato. Aggiungendo con semplicità e rapidità dati socio-demografici o geografici alle analisi, le aziende possono effettuare scelte gestionali con rischi minori.
5. Lo storytelling aumenta il coinvolgimento
Le persone raccontano continuamente storie nella loro attività lavorativa. Lo storytelling non significa solo personalizzare l’attività in corso, ma anche far sì che la storia rimanga più impressa nella memoria, amplificandone l’impatto e la pertinenza per il pubblico. Nel 2016, gli utenti utilizzeranno lo storytelling interattivo per dare le informazioni in modo più avvincente portando chi ascolta ad agire istantaneamente con l’emergere dell’intuizione.

6. Uno schermo sempre a portata di mano ne vale due sulla scrivania
Per chi utilizza dati, la mobilità sta diventando sempre più cruciale. Ecco perché poter analizzare dati su molteplici dispositivi acquisirà sempre più importanza. Ad esempio, l’85% degli intervistati negli Stati Uniti e il 77% degli intervistati nel resto del mondo, raggiungono i propri obiettivi di BI utilizzando contemporaneamente più device. L’accesso illimitato ai dati consente agli utenti di porsi domande in qualsiasi momento e di trovare le risposte più rapidamente. Le soluzioni di BI e di visualizzazione che non supportano gli utenti nel passaggio frequente e rapido da un dispositivo all’altro, non offriranno il tipo di esperienza che desiderano gli utenti.


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it