22/06/2016

fare

Innovazione e sostenibilita' fin dai processi produttivi

 

Bonaglia (Alcass): sfruttiamo l'energia del sole per la sanificazione dei nostri macchinari per la produzione di surgelati a marchio Natura Amica. Una soluzione alternativa e maggiormente sostenibile per la produzione

Ridurre il fabbisogno energetico e l'utilizzo di combustibile fossile durante i processi di lavaggio e sanificazione delle linee produttive, mantenendo elevati gli standard qualitativi dal punto di vista igienico. È un obiettivo importante quello raggiunto da Alcass, player di riferimento sul mercato nazionale nel settore alimentare dei surgelati con il marchio Amica Natura. Una realtà che ancora una volta si contraddistingue per il proprio spirito pioneristico e anticipatore, per la propria capacità innovativa e per la scelta di sviluppo sostenibile. "Si tratta di tematiche su cui la nostra sensibilità è in costante aumento - afferma Renato Bonaglia, Amministratore Delegato di Alcass Spa -, ma che sono da sempre alla base delle nostre strategie aziendali. A partire dai processi produttivi: ogni giorno, per garantire i nostri elevati standard di igiene, siamo chiamati ad importanti attività di lavaggio e sanificazione delle linee produttive, che comportano l'utilizzo di alcune migliaia di litri di acqua calda al giorno. Ecco perché, consapevoli dell'impatto ambientale dei nostri impianti, abbiamo cercato di introdurre una soluzione alternativa e maggiormente sostenibile per la produzione di questa importante quantità di acqua, rispetto alle tradizionali idropulitrici a gasolio che vengono comunemente utilizzate nel nostro settore".

Innovazione e sostenibilita' fin dai processi produttivi

Una soluzione che si è sviluppata in due direzioni, continua Bonaglia "da un lato siamo riusciti a ridurre il fabbisogno energetico necessario ai generatori di calore utilizzando direttamente la luce del sole: una quota di questa energia, quindi, non viene creata bruciando combustibile fossile, ma viene ottenuta direttamente dai raggi solari e integrata con i tradizionali generatori già esistenti. Dall'altro, siamo riusciti a lavorare sulla quasi totale eliminazione del combustibile gasolio, sostituendolo con il gas metano, più ecologico e meno impattante sull'ambiente, anche per quanto riguarda l'emissione di polveri sottili e NOx".
Il progetto è stato realizzato grazie alla collaborazione con lo Studio di Ingegneria Intertecnica Group di Brescia, che ha preso in considerazione i dati aziendali di utilizzo di questi macchinari. "Senza dimenticare - aggiunge Bonaglia - il nuovo comparto del nostro stabilimento, un polo produttivo recentemente ampliato e rinnovato che sta aumentando da un lato la superficie da sottoporre a lavaggio dall'altro il numero degli stessi macchinari utilizzati per la produzione. Tutto questo, ovviamente, con gli occhi ben aperti sugli standard sempre più elevati di miglioramento qualitativo dal punto di vista igienico, che rendono e renderanno i processi di sanificazione sempre più invasivi".

Seguici: 

La fase di sperimentazione del progetto si è conclusa a fine 2015 e i risultati di questi primi mesi del 2016 sono molto importanti. "Innanzitutto con l'impianto solare-termico siamo riusciti a produrre circa il 50% del nostro fabbisogno di energia termica, una quota molto rilevante, direttamente dall'irraggiamento solare - sottolinea Bonaglia - ma anche la parte dell'integrazione dei due impianti è stata molto soddisfacente e già durante l'inverno da poco concluso siamo stati in grado di utilizzare in maniera davvero marginale (circa l'85% in meno) il combustile tradizionale, sostituendolo con il gas metano. Infine, grazie all'apporto del sole e alla maggior efficienza del sistema, è risultato minore anche il volume di metano consumato, quindi riduzione anche delle emissioni totali. Il bilancio energetico dell'operazione risulta quindi davvero vantaggioso e si esplicita in un tempo di ripagamento dell'investimento inferiore a 5 anni. Ed in più c'è il minor impatto ambientale da proiettare anche negli anni futuri".

Operazioni "dietro le quinte" che non finiscono magari sulla confezione finale, ma che testimoniano l'impegno di un'azienda al rispetto dell'ambiente circostante.
 



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it