03/04/2019

digital

Comunicazione e creatività le soft skill necessarie per la coesistenza con l'IA

 

Borra (Dale Carnegie): macchine e persone dovranno collaborare per realizzare appieno il proprio potenziale, ma la prospettiva dei CEO e quella dei collaboratori è ancora distante

L'Intelligenza Artificiale (IA) pervade sempre di più ogni nostro aspetto della vita: come consumatori e come lavoratori. Anzi, in quest'ambito il fattore tecnologia sta creando una vera e propria rivoluzione, la trasformazione digitale. E l'Intelligenza Artificiale è una componente sempre più preponderante e che arriverà a coinvolgere l'intera piramide aziendale. Dalla robotica, ai big data fino ai supporti decisionali. Ma in tutto questo l'uomo che ruolo giocherà?

Comunicazione e creativit le soft skill necessarie per la coesistenza con l'IA

"In un mondo che sempre più integra l'Intelligenza Artificiale, comunicazione e fiducia restano gli asset su cui gli esseri umani continueranno a distinguersi, anche nel lavoro". Queste le parole di Sergio Borra, CEO di Dale Carnegie Italia, che raccolgono le indicazioni del nuovo studio sul'IA di Dale Carnegie & Associates, presentato al WOBI On Digital Transformation 2019 di Milano. La ricerca, dal titolo "Intelligenza Artificiale sul posto di lavoro. Comunicare e restare creativi per costruire una nuova cultura aziendale", che ha coinvolto direttamente anche l'Italia, che è il primo Paese al mondo in cui vengono presentati i risultati emersi.
L'impatto dell'IA è significativo e in crescita: macchine e persone dovranno collaborare per realizzare appieno il proprio potenziale. Per le aziende questo significa formare i collaboratori per il lavoro di un futuro che è già alle porte. I progressi nell'Intelligenza Artificiale e nel Machine Learning (ML) hanno valicato i confini dei processi di produzione e back office nel settore IT, intervenendo anche nel marketing, nella finanza, nelle risorse umane, persino nel management.

Seguici: 

Come possono i leader e le aziende restare competitivi attraverso la rivoluzione in atto?
Secondo il nuovo studio condotto dalla divisione Research & Thought Leadership di Dale Carnegie & Associates, il primo compito dei senior manager è oggi quello di pianificare l'innovazione e influenzare positivamente la cultura aziendale, per mantenere i propri collaboratori motivati e coinvolti durante il processo di cambiamento. Alla paura di perdere il lavoro e alla resistenza di fronte al cambiamento le aziende devono rispondere lavorando sulla fiducia interna e sulla consapevolezza delle nuove prospettive che l'Intelligenza Artificiale crea, ad esempio la possibilità di dedicarci ad aspetti sempre più mirati e interessanti delle nostre attività.
E veniamo alla ricerca. Condotta nel gennaio 2019 con una survey online, ha interessato 11 Paesi: Italia, Germania, Gran Bretagna, Svezia, Norvegia; USA, Canada, Brasile; India, Cina, Taiwan. Sono state intervistate 3.568 persone: il 38% CEO e figure apicali, il 23% manager e il 39% collaboratori di aziende di diversi settori e dimensioni. Il margine di errore è del 5% con un livello di attendibilità del 95%.

Più che le mere competenze tecniche sono le soft skill a essere considerate cruciali nella fase di transizione a cui ci si prepara. In particolare, comunicazione (62% a livello globale, 58% per gli intervistati italiani) e creatività (61%/58% Italia). A livello globale si punta anche su pensiero critico (56%) e leadership (45%), che "piacciono" un po' meno in Italia (rispettivamente 42% e 29%). La percentuale di empatia è al 31% in entrambi i casi.
In merito ai buoni risultati che l'integrazione dell'IA produrrà in termini di cultura aziendale e fiducia i CEO sembrano più ottimisti rispetto agli altri livelli aziendali. Uno dei dati più rilevanti riguarda quanto viene ritenuto probabile, il suo utilizzo da parte dei collaboratori per pianificare e preparare un percorso di carriera:

- CEO: 76% mondo/73% Italia;
- Collaboratori: 41% mondo/44% Italia.
La distanza fra la prospettiva dei CEO e quella dei collaboratori indica che queste due anime dell'azienda devono dialogare, soprattutto in una fase di passaggio cruciale come quella in corso.
"Le persone sostengono il mondo che hanno contribuito a creare", era solito ripetere Dale Carnegie: le persone vanno oltre la logica dei dati, per questo nei processi di cambiamento il loro coinvolgimento è fondamentale per nutrire un asset fondamentale come la fiducia. "In un mondo interamente connesso la connessione più importante rimane quella umana", ha concluso Borra.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it