03/06/2020

fare

Quattro idee di business vincenti per i prossimi anni

 

Non saranno affatto solo legate alla tecnologia: social media marketing, e-sport e giochi online, Bubble tea e attività agricole

Creare un nuovo business da zero non è così semplice come molti potrebbero pensare: per avviare un'attività di successo, infatti, è innanzitutto necessario capire quali attività possano generare reddito, quale sia il momento più opportuno per cominciare ad operare in un determinato settore e, soprattutto, avere a disposizione i mezzi per farlo. Tra queste variabili, il giusto tempismo è sicuramente una delle più importanti: idee di successo possono trasformarsi in un vero e proprio flop se non adatte alle esigenze del mercato o al momento storico in cui ci si trova. Quali potrebbero essere, allora, alcune idee di business valide per questo e per i prossimi anni?

Quattro idee di business vincenti per i prossimi anni

 

Social media marketing

Che il potere dei social media sia straordinario è ormai impossibile da negare, tanto da aver spinto molti imprenditori e aziende a riconsiderare le potenzialità di questi strumenti anche nell'ottica di accrescere il proprio business. Secondo i dati del Global Digital Report dello scorso anno, infatti, sono ormai più 5 miliardi gli utenti connessi a Internet e, tra questi, almeno 3 miliardi e mezzo utilizzerebbero assiduamente i social. Promuovere la propria attività online e sui social è quindi diventato un requisito imprescindibile se si vuole essere certi di avere abbastanza visibilità e di raggiungere il giusto target: fare social media marketing è e sarà per questo uno dei servizi più richiesti dalle aziende e, di conseguenza, un ambito molto remunerativo per coloro che sceglieranno di investire in questo campo.

Seguici: 

Chi si occupa di social media è a tutti gli effetti un professionista e sono e saranno in molti ad avere sempre più bisogno di una figura come questa.

e-sport e giochi online

Un altro tipo di business molto in voga in questo periodo è quello degli e-sport e dei giochi online che, secondo i dati riportati da SuperData Research, potrebbe raggiungere un valore di quasi 2 miliardi di dollari entro l'anno.

Ciò che rende gli e-sport e i giochi online così in voga è probabilmente la possibilità di simulare la realtà, di sentirsi parte di una competizione sportiva pur trovandosi dietro uno schermo e di sfidare validi avversari pur restando comodamente seduti sulla propria poltrona.

Questa modalità di gioco è molto spesso ripresa anche da molte piattaforme di gioco d'azzardo: nel caso di NetBet, per esempio, ai giochi live è dedicata un'intera sezione, incentrata prevalentemente su giochi come la roulette russa e il blackjack. I giochi live, infatti, a differenza dei più tradizionali giochi d'azzardo permettono di interagire con croupier professionisti, tanto da far sentire i giocatori quasi come all'interno di una reale sala da gioco. Un mercato decisamente vincente in questo periodo.


Bubble tea  

Per chi non lo conoscesse ancora, il bubble tea è una bevanda di origine taiwanese che ha conosciuto un successo quasi globale negli ultimi anni, Italia compresa. Come si intuisce dal nome, il bubble tea non è altro che un drink a base di tè verde o nero, servito sia caldo sia freddo, con all'interno delle perle di tapioca, un'importante fonte di carboidrati.
Complice anche la diffusione dei manga e delle serie TV asiatiche, il bubble tea sarebbe diventato nel nostro Paese quasi un'ossessione, soprattutto tra i più giovani. Secondo quanto riportato su Lettera43, il suo mercato potrebbe addirittura superare i 3 miliardi di dollari entro il 2023. Eppure, sono ancora poche le città italiane che possono vantare la presenza di una catena specializzata in bubble tea, la maggior parte delle quali si trova esclusivamente nel centro-nord.

La prima sarebbe nata solo pochi fa, nel 2016, e sarebbe stata fondata a Milano. C'è ancora tanta strada da fare perché il bubble tea possa diventare un drink di facile reperibilità in Italia: l'idea di avviare un'attività in questo campo potrebbe avere davvero successo.

Attività agricole

Un altro tipo di business suggerito da Money come redditizio è quello legato ai servizi dell'agricoltura. Il nostro Paese, infatti, può vantare un gran numero di terreni coltivabili e un clima adatto a molti tipi di coltivazione; inoltre, gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un crescente interesse per un'alimentazione più sostenibile, biologica e possibilmente a chilometro zero.

Investire nel campo dell'agricoltura e nella distribuzione di prodotti alimentari più salutari potrebbe quindi soddisfare una clientela molto ampia, alla ricerca di uno stile di vita più sano e più rispettoso dell'ambiente. Quest'idea, tra l'altro, è stata ampiamente condivisa anche da molti agricoltori siciliani, che avrebbero iniziato un vero e proprio business nella coltivazione di avocado, un frutto esotico molto amato ma decisamente poco sostenibile. Acquistandolo da coltivazioni siciliane, al contrario, si può compiere una scelta fondamentale in termini di impatto ambientale.

Pur facendo capo a settori molto diversi, queste quattro idee di business rappresentano sicuramente delle idee molto valide in cui impegnarsi nei prossimi anni. Il momento è quello giusto e le previsioni a lungo termine sono più che positive.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it