Novembre_2013

economia

Investitori preoccupati che la ripresa economica globale possa vacillare

 

Hartnett (BofA Merrill Lynch): Le azioni europee e giapponesi conservano un sentiment positivo. Cautela sui mercati emergenti

L\'ottimismo degli investitori sulla ripresa economica globale e sugli utili aziendali si è incrinato in quanto il rischio di coda associato con l\'economia degli Stati Uniti è aumentato, anche se il sentimento verso l\'Europa è migliorato, Questo è in sintesi quanto emerge dalla BofA Merrill Lynch Fund Manager Survey di ottobre.
L\'indagine di ottobre ha mostrato che il numero di investitori confidenti in un rafforzamento dell\'economia globale è sceso al 54%, rispetto al 69% del mese di settembre, anche se ancora su livelli storicamente forti. Il 71% si aspetta che la crescita economica rimanga "al di sotto del trend" nei prossimi 12 mesi, contro il 61% di un mese fa. La preoccupazione per una stretta fiscale USA è il primo rischio di coda per il 24% del panel, in crescita dal 6% in settembre.

Investitori preoccupati che la ripresa economica globale possa vacillare

Le aspettative per una ripresa dei profitti delle imprese sono calate. Il mese scorso, il 41% ha dichiarato che si aspettava un miglioramento dei profitti delle imprese in tutto il mondo nei 12 mesi successivi, percentuale crollata al 28% a ottobre. Il 18% ritiene che i margini di profitto aziendali diminuiranno nel prossimo anno, contro l’11% di un mese fa.
Gli asset allocator hanno ridimensionato le loro partecipazioni nell’azionario. Il 49% degli asset allocator globali sono in sovrappeso in azioni, in calo rispetto al 60% nel mese di settembre. Negli ultimi mesi, gli investitori hanno ridotto le loro posizioni in 8 degli 11 settori monitorati dall\'indagine. Il mese scorso, il 9% del panel era in sovrappeso sulle azioni USA, mentre questo mese il dato è sceso a 0%. Allo stesso tempo, gli investitori hanno spostato la loro attenzione verso il reddito fisso, scalando le loro posizioni sottopeso in obbligazioni e incrementando i livelli di liquidità in portafoglio.

Seguici: 

"Gli eventi a Washington hanno chiaramente indotto gli investitori a rivedere i loro benchmark, ma i guadagni sugli asset price possono ancora essere guidati dagli alti livelli di liquidità", ha dichiarato Michael Hartnett, Chief Investment Strategist di BofA Merrill Lynch Global Research. "I forti flussi verso l\'Europa richiedono un minimo di cautela nel breve termine, ma lo slancio macro e solido della regione suggerisce che eventuali cali dei mercati azionari dell\'UE verrebbero acquistati con entusiasmo", ha dichiarato John Bilton, Investment Strategist Europea.
Crescente convinzione nelle azioni europee
L\'Europa è stata in grado di evitare lo spostamento verso il basso del sentiment globale l’azionario che ha raggiunto un picco in sei anni. Il 46% degli asset allocator sono in sovrappeso sui titoli azionari europei, contro il 36% di settembre e che rappresenta il valore più alto dal 2007.

Le prospettive degli investitori globali per i profitti aziendali europei hanno continuato a crescere ininterrottamente dopo gli eventi a Washington. Ora sono al loro livello più positivo dal settembre 2007. Un 10% del panel afferma che la zona euro è la Regione con le prospettive più favorevoli, rispetto a due mesi fa, quando il 5% prevedeva una caduta di profitti.
La positività verso i Corporate europei è evidente anche all\'interno della Regione. Nel mese di agosto il 55% degli intervistati europei nel sondaggio regionale aveva dichiarato che una crescita in doppia cifra era improbabile per l\'anno successivo. Questo mese il 6% afferma che la crescita degli utili in doppia cifra è probabile: un cambio in due mesi di 61 punti percentuali netti.
Le azioni giapponesi hanno resistito alla tendenza globale nel mese di ottobre, per registrare un secondo mese consecutivo di miglioramento. il 30% degli asset allocator globali sono in sovrappeso nella Regione, contro il 22% nel mese di settembre.

Ricomincia la fiducia nei mercati emergenti
Investitori e asset allocator hanno aumentato gli impieghi verso i titoli azionari dei mercati emergenti globali, e hanno indicato nel sondaggio di ottobre che vedono del valore nella Regione. I segnali verso i mercati emergenti globali non sono universalmente positivi, però.
Gli asset allocator hanno ridotto le loro posizioni di sottopeso. Il 10% del panel era sottopeso nei mercati azionari emergenti nel mese di ottobre, migliorando un 18% di sottopeso di un mese fa. In media, il 26% degli investitori sono stati in sovrappeso nella regione.
Il 38% degli intervistati afferma che le azioni dei mercati emergenti sono le più sottovalutate di tutte le Regioni; per contro, il 63% indica gli Stati Uniti come la regione più sopravvalutata. La quantità di investitori che indicano i mercati emergenti come la regione che più vogliono sottopeso ha continuato a scendere.

Allo stesso tempo, tuttavia, le prospettive per l\'economia della Cina sono peggiorate. Il 5% dei regional fund manager si aspetta che l\'economia cinese si rafforzi nel prossimo anno, molti meno rispetto al 28% del mese di settembre. E gli asset allocator hanno ulteriormente ridotto la loro esposizione nelle materie prime, un fattore importante per il sentiment dei mercati emergenti. Il 28% sono sottopeso, a fronte di un 16% nel mese di settembre.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it