Ottobre2012

fare

I trend che stanno influenzando consumatori e retailer

 

Comprendere il consumatore moderno attraverso uno studio di Deloitte.

Viviamo in tempi caratterizzati dal cambiamento e volatilità, ma possiamo essere certi di una cosa: i valori di consumo, bisogni e comportamenti continueranno ad evolversi. Consumer 2020: reading the signs riunisce intuizioni, tendenze economiche e demografiche, considerazioni di risorse limitate, e l\'impatto della tecnologia sulla nostra vita quotidiana, al fine di fare alcune previsioni su come gli atteggiamenti e i modelli di consumo cambieranno nel prossimo decennio.

I trend che stanno influenzandoconsumatori eretailer

Partiamo da una considerazione di fondo: il settore retail è tornato a crescere. II dati oggettivi come il monitoraggio annuale di Deloitte sui bilanci dei primi 250 gruppi distributivi internazionali indica una crescita delle vendite del 5,8%. Ma ci sono differenze a seconda dell\'area geografica in cui operano i singoli player, perché il peso dei retailer cala in Europa e nel Nord America, mentre aumenta neil’area Asia Pacifico.
Si evidenzia l\'impegno da parte dei retailer di tutto il mondo di accelerare verso l’ottimizzazione dei processi aziendali. I retailer sono reduci da una battaglia in corso in questi ultimi anni, quella della caduta dei profitti e del taglio alle spese da parte dei consumatori. Prima avevano combattuto quella della gestione dei magazzini. La strada verso l’efficienza è segnata, ma da quel momento sarà difficile riuscire a continuare a crescere, di certo impossibile se l’economia non offre segnali di ripresa tali da consentire la sostenibilità dei consumi.

Seguici: 

Il consumatore, oggi, è interessato ad un corretto rapporto tra qualità e prezzo. Lo studio di Deloitte lo definisce value oriented, perché il primo fattore di scelta dei propri acquisti. Un consumatore attento a valutare il reale valore dei prodotti e servizi, che lascia meno spazio a sprechi e superfluo, e che si lascia coinvolgere dalle tematiche sostenibili. Lo studio effettuato su 250 retailer a livello mondiale, evidenzia anche che sta nascendo il green shopper, un consumatore che valuta l\'impatto dei propri consumi sull\'ambiente e sulla società in cui vive.
Diventa sempre più centrale il ruolo del profilo del consumatore, perché i retailer che sapranno tenere in considerazione le sue caratteristiche potranno avere un vantaggio competitivo in termini sia di differenziazione dai competitor sia di fidelizzazione dei clienti. Bisogna tenere conto anche di altri fattori, come la continua evoluzione dell\'ambiente economico-sociale globale.

 

I temi principali


Quattro sono i temi principali: cambiamenti dell\'economia mondiale, variazioni demografiche, crescita del consumo responsabile ed evoluzione tecnologica.
Sebbene ci sia ancora aria di incertezza dovuta alla crisi economica, ci sono Paesi emergenti in cui la domanda sta crescendo e quindi saper cogliere le occasioni è sempre più fondamentale. Per capire, significa che i retailer e i produttori di beni di consumo, per crescere, dovranno confrontarsi con le quote di mercato nei mercati maturi, e e nei mercati in via di sviluppo dovranno stimolare la spesa dei consumatori, sfruttando le leve della liberalizzazione del credito al consumo o del miglioramento della sicurezza sociale. Un altro aspetto interessante riguarda l’aumento demografico.
Infatti, le economie in sviluppo hanno un forte aumento della popolazione e si svilupperà la classe media. Per un retailer e per un produttore, quindi, è una grande occasione per aiutare l\'impresa a crescere e a sviluppare ulteriori profitti

Tecnologia
Internet, social network, smartphone stanno trasformando lo scenario dei consumi e questo è un trend importante. Attraverso questi strumenti, i consumatori sono in grado di informarsi e di confrontare direttamente i punti di vendita e i prezzi già prima di determinare i loro acquisti. Questo avverrà sempre più in ogni momento e in qualsiasi luogo, tanto che, di fronte ad un prodotto, una semplice ricerca su internet è in grado di scovare in pochi secondi l’offerta migliore e capire se c’è reale convenienza ad acquistarlo subito. Tutto ciò, inoltre, impatterà drammaticamente sulla fedeltà dei consumatori ed è necessario che i retailer e le aziende inizino ad attrezzarsi.
Per scaricare l’intero documento di Deloitte, clicca qui.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it