25/06/2014

economia

Il rapporto tassazione-PIL nell'eurozona cresce al 40,4% nel 2012

 

Secondo il report di Eurostat e Commissione europea l'onere fiscale varia in modo significativo tra gli Stati. I dati del report sono del 2012 (ultimi disponibili), ma nel 2013 sono ulteriormente aumentati. In Italia l'aumento maggiore nell'EA18

Il rapporto fiscale globale e PIL - cioè la somma delle imposte e dei contributi sociali obbligatori in percentuale del PIL - si attesta nella UE28 al 39,4% nel 2012, dal 38,8% nel 2011. Nell'area dell'euro (EA18) è aumentata al 40,4% nel 2012 dal 39,5% nel 2011. Nel 2013, le stime Eurostat indicano che il gettito fiscale in percentuale del PIL sono destinate a continuare ad aumentare in entrambe le zone.

L'onere fiscale varia in modo significativo tra gli Stati , che vanno nel 2012 da meno del 30% del PIL in Lituania (27,2%), Bulgaria e Lettonia (entrambi 27,9%), Romania e Slovacchia (entrambe 28,3%) e in Irlanda (28,7%); a oltre il 40% del PIL in Danimarca (48,1%), Belgio (45,4%), Francia (45,0%), Svezia (44,2%), Finlandia (44,1%), l'Italia (44,0%) e Austria (43,1%). 

Tra il 2011 e il 2012, aumenti fiscali su PIL di oltre 1 punto percentuale sono stati registrati in Ungheria (dal 37,3% al 39,2%), Italia (dal 42,4% al 44,0%), Grecia (dal 32,4% al 33,7% ), Francia (dal 43,7% al 45,0%), Belgio (dal 44,2% al 45,4%) e il Lussemburgo (dal 38,2% al 39,3%), mentre le maggiori diminuzioni sono stati registrate in Portogallo (dal 33,2% al 32,4% ), il Regno Unito (dal 35,8% al 35,4%) e Slovacchia (dal 28,6% al 28,3%).

Questo è quanto emerge dall'edizione 2014 di "Tendenze fiscali nell'Unione europea", realizzato da Eurostat e dalla Direzione generale della Commissione europea per la Fiscalità e unione doganale.

 

Tassazione sul lavoro: la maggiore fonte di entrate fiscali in quasi tutti gli Stati

 

La più grande fonte di entrate fiscali nella EU28 sono le imposte sul lavoro, che rappresentano più della metà delle entrate fiscali totali nel 2012 (51,0%), seguite dalle imposte sui consumi (28,5%) e le imposte sul capitale (20,8%).

Le imposte sul lavoro sono state la più grande fonte di entrate fiscali nel 2012 in 24 Stati, e in 13 Paesi hanno rappresentato oltre la metà del gettito fiscale complessivo. Le percentuali più elevate di tassazione sul lavoro sono state osservate in Svezia (58,6%), Paesi Bassi (57,5%), Austria (57,4%) e Germania (56,6%). L’Italia si attesta al 51,1%. Solo in Bulgaria (32,9%), Malta (34,6%), Cipro (37,1%) e Regno Unito (38,9%) la quota è inferiore al 40%.

Le imposte sui consumi sono state la maggior fonte di entrate fiscali nel 2012 in quattro Stati: Bulgaria, Croazia, Malta e Romania. Le percentuali più elevate di tassazione sono state registrate in Bulgaria (53,3%), Croazia (49,1%) e Romania (45,1%), mentre le più basse in Belgio (23,7%), Francia e Italia (entrambi 24,7%).

Le imposte sul capitale rappresentato la quota minore delle entrate fiscali in tutti gli Stati nel 2012. percentuali oltre il 25% sono state registrate in Lussemburgo (27,5%), Regno Unito (27,4%), Malta (26,6%) e Cipro (26,1 %), e inferiori al 10% in Estonia (7,1%) e Slovenia (9,8%). In Italia siamo al 24,2%

 

Aliquote fiscali implicite più basse sul lavoro a Malta e sui consumi in Spagna

 

L'aliquota fiscale implicita media sul lavoro nella EU28 è passata dal 35,8% nel 2011 al 36,1% nel 2012. Fra gli Stati membri, l'aliquota nel 2012 variava dal 23,3% a Malta, 24,5% in Bulgaria, il 25,2% in del Regno Unito e del 25,4% in Portogallo, al 40,1% in Finlandia, il 41,5% in Austria e il 42,8% in Belgio e in Italia.

L'aliquota fiscale implicita media sui consumi nella EU28 è rimasta stabile al 19,9% sia nel 2011 e nel 2012. Aliquote più basse nel 2012 si trovavano in Spagna (14,0%), Grecia (16,2%) e Slovacchia (16,7%), mentre le più alte in Danimarca (30,9%), Croazia (29,1%) e Lussemburgo (28,9%). L’Italia si attestava nel 2012 al 17,7%.

 


Il rapporto tassazione-PIL nell'eurozona cresce al 40,4% nel 2012

Seguici: 


Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it