25/11/2015

economia

Torna tra gli investitori la propensione al rischio

 

Hartnett (BoA Merril Lynch): cresce l'esposizione nell'azionario con un forte consenso sull'aumento dei tassi USA a dicembre

Secondo la BofA Merrill Lynch Fund Manager Survey di novembre, gli investitori hanno riguadagnato un po' di appetito per il rischio con un forte consenso basato sul rialzo dei tassi degli Stati Uniti il mese prossimo. Con la crescita e le aspettative di inflazione notevolmente più alti dopo i nuovi dati sui payroll degli Stati Uniti, gli asset allocator hanno tagliato le liquidità di cassa e si sono buttati su una maggiore esposizione ad azioni, immobili e investimenti alternativi.

Torna tra gli investitori la propensione al rischio

La percentuale di asset allocator in sovrappeso sull'azionario è aumentata in modo significativo, dal 17% al 43%, riducendo al contempo posizioni sovrappeso in cash al relativo livello più basso dal mese di luglio.
Quattro quinti degli intervistati si aspettano che la Federal Reserve alzi i tassi nel corso del trimestre in corso.
La fiducia nell'economia globale ha rimbalzato, con le aspettative di un rafforzamento nei prossimi 12 mesi salite di 22 punti percentuali rispetto al mese di ottobre.
Le preoccupazioni per un rallentamento in Cina diminuiscono: i gestori di fondi locali virano su "neutrale" in merito alle prospettive di crescita del Paese, la loro lettura più positiva in più di un anno.
Eurozona e Giappone si rafforzano come i mercati azionari più favoriti a livello globale, riflettendo un più profondo consenso sul dollaro. Il 67% ora aspettano che la moneta USA si apprezzi nel prossimo anno.

Seguici: 

Immobili e investimenti alternativi salgono in sovrappeso, alla loro seconda più alta lettura nella storia del sondaggio. Al contrario, glki asset allocator si sono mantenuti aggressivamente sottopeso su commodities e Global Emerging Markets.
"Con il consenso molto coeso su QE e dollaro forte, il rialzo dei prezzi degli asset appare limitato fino a quando un "evento" limita il ciclo di escursioni della Fed, come nel 1994," ha dichiarato Michael Hartnett, Chief Investment Strategist presso BofA Merrill Lynch Global Research.
"Mentre le azioni europee sono amate dagli investitori globali e la BCE ha creato un po' di entusiasmo per la crescita, il posizionamento settoriale mostra che gestori locali mancano di convinzione e abbracciano i loro nenchmark", ha detto Manish Kabra, head of European quantitative strategy presso BofA Merrill Lynch Global Research.



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it