20/12/2017

marketing

Misurare l'efficacia delle strategie di protezione del brand online

 

Sicard (MarkMonitor): le aziende devono essere in grado di accedere ai dati in tempo reale e monitorare chiaramente tutti i propri KPI in una singola piattaforma intuitiva

Secondo il recente barometro di MarkMonitor, oltre un quarto dei consumatori ha acquistato involontariamente un prodotto contraffatto online.
Le conseguenze di questo fatto, sia per la reputazione del brand che per i ricavi, sono significative. I titolari di brand devono adottare una strategia di protezione online che minimizzi questi rischi e assicuri una sicurezza completa. La giusta strategia può persino aiutare le aziende a recuperare le entrate perse e a ricostruire la fiducia dei consumatori.

Misurare l'efficacia delle strategie di protezione del brand online

L'adozione di un approccio incentrato sul consumatore permette alle imprese di massimizzare l'efficacia e proteggere i consumatori benintenzionati. Questo implica la rimozione delle pagine fasulle e della pubblicità con maggiore visibilità tra i risultati dei motori di ricerca e sui marketplace online.
Ma con una portata così vasta di attività e canali da monitorare, come possono i brand garantire l'efficacia della misurazione?
Misure standard di successo
I brand in genere adottano comunemente due misure. La prima è il numero di istanze di violazione o contraffazione che si presentano sui motori di ricerca e sui marketplace, prima e dopo l'introduzione della strategia di protezione del brand. Se la nuova cifra è drasticamente inferiore rispetto a quella di partenza, si può supporre che la ridotta visibilità faccia sì che meno consumatori cadano vittime delle trappole dei contraffattori. La seconda metrica è il numero di consumatori che hanno inconsapevolmente acquistato prodotti contraffatti. Ancora una volta, la nuova cifra dovrebbe essere confrontata con il dato precedente all'adozione della strategia di protezione.

Seguici: 

Il valore di questi numeri è innegabile, ma la verità è che la battaglia contro i contraffattori non finisce mai. Per ogni sito e annuncio chiuso con successo, uno nuovo spunterà a rimpiazzarlo, e appena compariranno nuove pagine, i consumatori rischieranno ancora di essere ingannati e acquistare prodotti contraffatti. Per misurare davvero l'efficacia, le organizzazioni devono prestare attenzione alle analisi più dettagliate.
E' a questo punto che diventa utile collaborare con un partner affidabile come MarkMonitor. I brand spesso riescono a tener traccia dei dati solo fino a un certo livello, quindi il giusto partner potrà garantire analisi e report che forniscano il massimo dei dettagli per una maggiore comprensione dei dati.
I proprietari di brand devono essere in grado di accedere ai dati in tempo reale, anziché ricevere rapporti ogni ora, giorno o settimana. Il mondo della contraffazione si muove a un ritmo così rapido che il monitoraggio periodico risulta utile solo entro una certa misura, perché una volta fatto è garantito che i pali si saranno già spostati nuovamente.

In secondo luogo, i brand dovrebbero essere in grado di monitorare chiaramente tutti i propri KPI, inclusi conformità, attività, volume, quantità, valore e impatto finanziario, in una singola piattaforma intuitiva. Misurando ognuno dei KPI singolarmente e confrontandoli poi uno a uno, è più semplice per tutte le parti coinvolte determinare con precisione se la percentuale di violazioni si è ridotta nel tempo. I dati hanno dimostrato che, con le azioni appropriate, l'80-85% dei contraffattori che ha come obiettivo un particolare brand, interromperà la sua attività poco tempo dopo che l'azione è stata intrapresa.
All'interno di questa piattaforma centralizzata, può essere utile visualizzare i dati analitici in vari formati che rendano più semplice trovare l'insieme di dati che si sta seguendo. Per esempio, se si desidera vedere il numero di azioni intraprese, si può scegliere di visualizzarlo all'interno di un report di attività generale. Se si vuole avere una visione più dettagliata del numero di venditori su diversi siti web, allora sarebbe più rilevante qualcosa di simile a un report di impatto. Con diversi punti di vista e report a portata di mano, i proprietari di marchi possono perdere meno tempo a cercare i dati giusti e utilizzarlo per proteggere se stessi.

Comunicare la storia di successo è di vitale importanza per la strategia di protezione online del proprio brand, e l'unico modo per farlo è attraverso analisi accurate e dettagliate. Non solo rendono più semplice monitorare i progressi in tempo reale, semplificano anche la capacità di comunicare il valore della propria strategia ai principali stakeholder dell'azienda.
Jerome Sicard, Regional Manager di MarkMonitor, un brand di Clarivate Analytics



Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo con gli amici e colleghi


ARGOMENTI: marketing - retail - ecommerce - digital transformation - pmi - high yield - bitcoin - bond - startup - pagamenti - formazione - internazionalizzazione - hr - m&a - smartworking - security - immobiliare - obbligazioni - commodity - petrolio - brexit - manifatturiero - sport business - sponsor - lavoro - dipendenti - benefit - innovazione - b-corp - supply chain - export - - punto e a capo -

> Vai al sommario < - > Guarda tutti gli arretrati < - > Leggi le ultime news <

Copyright © 2009-2021 BusinessCommunity.it.
Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154
Politica della Privacy e cookie

BusinessCommunity.it - Supplemento a G.C. e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Copertina BusinessCommunity.it